Quantcast
Al Druso tornano gli anni Ottanta con Viola Valentino - BergamoNews
Il concerto

Al Druso tornano gli anni Ottanta con Viola Valentino

Venerdì 20 novembre al Druso di Ranica, un tuffo nei veri anni Ottanta con un concerto live di Viola Valentino.

Nell’ambito dell’evento “Disco Strass”, venerdì 20 novembre al Druso di Ranica, un tuffo nei veri anni 80 con un’ospite d’eccezione: Viola Valentino.

L’appuntamento è a partire dalle 22 con il concerto d’apertura della band milanese "Cuori Infranti", seguito dall’esibizione della cantante.

 Dopo il suo live si accendono i colori della festa "80 Amore" di "Disco Strass" con i VDJ Point Break con una selezione musicale tutta anni 80. Animazione con Antony e O’Ka. Stage director: Riki Cellini.

Nata a Canzo (Como), Viola Valentino inizia giovanissima la carriera di indossatrice e fotomodella. Nel 1968 incide "Dixie", il primo 45 giri – prodotto da Gino Paoli ma sarà il 1979 l’anno della grande popolarità con "Comprami" che raggiunge la prima posizione in classifica vendendo oltre 500 mila copie diventando, nel tempo, un evergreen della musica popolare italiana.

Si susseguono altre hit come "Sei una bomba”, “Sera coi fiocchi" e "Giorno Popolare". Nel 1982 partecipa al Festival di Sanremo con "Romantici", classificandosi al sesto posto. Nello stesso anno pubblica "Sola", colonna sonora del film "Delitto sull’autostrada". L’anno successivo partecipa nuovamente al Festival di Sanremo con "Arriva arriva" e da allora non smette mai di incidere ed esibirsi live.

“Fragole e Chanel” e “Tutte le sfumature di Viola” gli ultimi album usciti nel 2013 e nel 2014. 

Il Druso è a Ranica in via Locatelli, 17. Il biglietto di ingresso alla serata, con consumazione è di 12 euro.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it