Colpi di pistola e machete: 30enne ucciso in strada a Zingonia, ferito il fratello - BergamoNews
L'omicidio

Colpi di pistola e machete: 30enne ucciso in strada a Zingonia, ferito il fratello

E' un 30enne extracomunitario la vittima dell'agguato andato in scena intorno alle 20 di mercoledì 11 novembre in piazza Affari a Zingonia. Con lui c'era il fratello, anch'esso malmenato ma non in modo mortale

E’ un 30enne marocchino che abitava a Lallio, Mohamed El Khoumam, la vittima dell’agguato andato in scena intorno alle 20 di mercoledì 11 novembre in piazza Affari a Zingonia.

Secondo le prime informazioni, l’uomo sarebbe stato rincorso, picchiato e ucciso a colpi di machete e roncola da tre soggetti che hanno sparato anche alcuni colpi con una pistola. Con lui c’era il fratello, che prima è riuscito a fuggire, ma una volta raggiunto è stato anch’egli malmenato, non in modo mortale.

Sul posto è intervenuto il personale medico del 118, con un’automedica e due ambulanze, che ha tentato a lungo di rianimare l’extracomunitario, ma l’uomo è spirato poco dopo.

A dare l’allarme sarebbe stato proprio il fratello che, pur ferito, sarebbe riuscito a raggiungere la vicina caserma dei carabinieri.

I militari stanno indagando per capire meglio cosa sia successo. La zona è conosciuta per lo spaccio di droga e la prostituzione.

 

leggi anche
  • Villa d'almè
    Gli sequestrano l’auto: sotto il sedile un machete con lama da 35 centimetri
    Nell'auto sequestrata un macete con lama da 35 centimetri
  • L'operazione
    Anni di violenze sulla moglie anche con un machete: arrestato 58enne a Caravaggio
    Generico
  • L'incidente
    Tragedia a Zingonia, bambino di 10 anni cade dal balcone e muore
    Ambulanza
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it