Quantcast
Sexy shop in pieno centro E a Valbrembo scoppia la polemica - BergamoNews
Pro e contro

Sexy shop in pieno centro E a Valbrembo scoppia la polemica

Nei giorni scorsi la lista d'opposizione Polo Civico ha distribuito un volantino di protesta: "Non bastavano le sale slot vicino a scuole e impianti sportivi, ora anche un sexy shop!". La Polizia Locale: "L'unico limite è il decoro del materiale esposto in vetrina"

Un sexy shop nel centro del paese. Anzi: una boutique erotica, per essere precisi. Spunta a Valbrembo, in via Gaetano Donizetti (perpendicolare di via Roma, la via che collega le parrocchie di Ossanesga e Scano al Brembo).

Nei giorni scorsi la lista Polo Civico del consigliere di minoranza Maurizio Battaglia ha distribuito ai cittadini un volantino di protesta: “Eh sì, cari concittadini, grazie alla nostra Amministrazione, in carica da oltre 500 giorni, Valbrembo sta diventando un paese ‘progressista’. Non bastavano le sale slot vicino a scuole e impianti sportivi, ora anche un sexy shop…!”.

Inutile dire che le opinioni in merito sono contrastanti: c’è chi non dà peso alla cosa “vista la discreta e poco appariscente vetrina del negozio” e chi invece ne avrebbe fatto volentieri a meno, complice la vicinanza di “luoghi sensibili come scuole e altri siti di aggregazione” giovanile.

“Per il momento non presenteremo alcuna mozione – ha commentato Maurizio Battaglia – Quel che contestiamo è la presenza di sale slot e sexy shop in una zona centrale del paese. Forse era meglio consentire l’apertura di queste attività in aree periferiche o industriali, dove mamme e bambini non passeggiano tutti i giorni. Ne facciamo più che altro una questione d’etica e buon senso”.

Nella stessa via si trovano anche una pasticceria, un’agenzia immobiliare, un ortofrutta, un bar e un negozio di serramenti.

Ma la Polizia Locale di Valbrembo spiega che – al momento – non esistono normative precise che regolamentino l’apertura dei sexy shop. Unico limite: il decoro del materiale esposto in vetrina.

Immediata la replica del gestore del negozio “Le Tentazioni Erotic Boutique”, Dario Vanotti: “Come gestore dell’attività ho presentato regolare richiesta al Comune, che ne ha accettato l’apertura nel pieno rispetto delle regole. Il nostro è un ambiente discreto, basti gettare uno sguardo alla vetrina. Una madre e un bambino che vi passano davanti, al massimo, potranno imbattersi in qualche succinto completino d’intimo. Niente di così scandaloso, mi pare”. E ancora: “Sono davvero dispiaciuto nell’osservare tanto bigottismo attorno alla vicenda, quando ci sarebbero problemi ben più seri di cui parlare”.

Ma anche gli altri esercenti di via Donizetti ci tengono a dire la loro. C’è chi preferisce custodire l’anonimato, come S. B., che trova “non idonea la presenza del negozio a poche centinaia di metri dalle scuole” e chi invece spende parole a favore, magari senza troppi peli sulla lingua. Come la proprietaria del “Bar Intrigo”, Simona Panza: “Il negozio quì di fianco non dà alcun fastidio. E’ riservato e tutt’altro che sconcio o indecoroso. Non credo che un bambino possa scandalizzarsi passando davanti alla vetrina. E poi, parliamoci chiaro: a pochi metri di distanza, sulla via Provinciale, al calar della sera, se ne vedono di tutti i colori… altro che sexy shop!”. A buon intenditore, poche parole.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Kebab
La stretta
Bergamo, nei borghi storici mai più kebab, phonecenter scommesse e sexy shop
Sexy shop automatico vittima del regolamento "anti kebab"
Al tar di brescia
Regolamento anti kebab fa chiudere sexy shop “Facciamo ricorso”
Il nuovo sexy shop di via Colleoni
Pesce d'aprile
Città alta, è in arrivo il primo sexy shop tra i negozi della corsarola
Ladri di rame al cimitero di Valbrembo
Il caso
Valbrembo, ennesimo furto di rame: nel mirino il cimitero
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI