Truffa finisce in tragedia: anziana di Romano stroncata da un infarto - BergamoNews
Bassa

Truffa finisce in tragedia: anziana di Romano stroncata da un infarto

La donna, Agnese Moioli di 81 anni, residente a Romano di Lombardia in via Zaconi, una volta resasi conto della truffa si è sentita male ed è morta nella sua abitazione.

Si sono spacciati per gli amici del figlio, un trucco collaudato ormai da tempo, e hanno rubato alla loro vittima dei monili d’oro che custodiva nella cassaforte. La donna, Agnese Moioli di 81 anni, residente a Romano di Lombardia in via Zaconi, una volta resasi conto della truffa si è sentita male ed è stata stroncata da un infarto.

Secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ordine l’81enne sarebbe stata raggirata da una coppia di malviventi, un uomo e una donna, che si sarebbero spacciati come amici del figlio. Un piano studiato nei minimi dettagli, quello dei truffatori, che avrebbe convinto la donna ad aprire la cassaforte per consegnare ai due i monili d’oro che teneva nella cassaforte dell’abitazione, sicura che poi la merce sarebbe stata recapitata al figlio.

Quando i malviventi si sono allontanati da via Zaconi, però, l’anziana di Romano di Lombardia ha contattato il figlio e, una volta accortasi del furto, si è sentita male. Inutile l’intervento del personale del 118: la donna è morta nella sua abitazione, colpita da un infarto che non le ha lasciato scampo.

leggi anche
  • Il lutto
    L’impresa bergamasca perde Rita Melocchi, titolare della MiniFaber
    Rita Melocchi
  • A telgate
    Travolte da un’auto mentre vanno a ballare: gravi due ragazze
    Grave incidente nella notte a Telgate
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it