L'altra immigrazione: Rosa, una boliviana sui monti bergamaschi - BergamoNews
In tv

L’altra immigrazione: Rosa, una boliviana sui monti bergamaschi

La nuova puntata di 'Radici, l'altra faccia dell'immigrazione' - la serie dedicata all'immigrazione regolare in Italia - in onda stasera alle 23.55 su Rai3 racconta la storia di Rosa Carmina Ruiz: boliviana, ha 35 anni e dal 2005 vive in provincia di Bergamo

"Rosa Carmina Ruiz è boliviana, ha 35 anni e dal 2005 vive a Bergamo. Quattro anni fa era tornata per la prima volta in Bolivia, dopo sei anni passati in Italia. Davide Demichelis e il reportage ‘Radici, l’altra faccia dell’immigrazione’ l’avevano accompagnata con le sue quattordici valigie in quel lungo viaggio all’indietro nella sua storia. Poi era tornata in Italia" viene pubblicato in una nota dalla Rai.

"Cosa è successo in questi quattro anni? Lo racconta la nuova puntata di ‘Radici, l’altra faccia dell’immigrazione’ – la serie dedicata all’immigrazione regolare in Italia – in onda stasera, venerdì 7 agosto, alle 23.55 su Rai3" continua dunque la tv pubblica.

"Nel 2011 Rosa si divideva fra le cure per il figlio e gli studi universitari in Commercio estero e si manteneva facendo le pulizie a casa di una famiglia. Oggi ha avuto un secondo bambino – si osserva poi -, deve ancora terminare gli studi e lavora come mediatrice culturale. Ma, soprattutto, ha deciso di lasciare la città: andrà a vivere in Val Brembana, anche a causa di quel documentario girato quattro anni fa in Bolivia. Perché la signora Tina, madre del compagno di Rosa, un giorno ha visto la sua foto sul giornale. Ha pensato che la compagna del figlio avesse combinato qualcosa di male. E invece l’articolo annunciava la messa in onda del reportage. Guardandolo, lei e la gente del suo paese – Olmo al Brembo – hanno imparato a conoscere ed apprezzare le origini di Rosa. E così lei, sentendosi accettata, ha deciso di trasferirsi sui monti, insieme al suo compagno".

"La puntata propone anche spezzoni del primo viaggio di Rosa e Davide: partiti da Guayaramerin – si informa -, nella pianura amazzonica, avevano toccato la città di Cochabamba, sulle Ande, dove lei aveva studiato e lavorato".

Rosa aveva portato Davide anche al mercato, dove si vendono le foglie di coca, nella scuola elementare del suo paese, nelle falegnamerie dove si taglia il legname, in un antico villaggio di cercatori d’oro e da una curandera, il medico tradizionale.

Radici è un progetto realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno ed il Fondo europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi" si seguita in conclusione nel comunicato.

leggi anche
  • Politica
    Abolizione del reato di immigrazione clandestina Sei d’accordo? Vota
  • L’iniziativa
    Emergenza povertà, in città la colletta alimentare di Compagnia delle opere
  • La manifestazione
    “Seriate è per tutti, no alla tassa anti immigrati Il prefetto intervenga”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it