Quantcast
In sella alla Street Glide, l'Harley maschia e sexy con un motore monumentale - BergamoNews
Motori

In sella alla Street Glide, l’Harley maschia e sexy con un motore monumentale fotogallery

Phil Green ha provato per noi la Harley-Davidson Street Glide Special: rinnovata ma fedele alla tradizione, presenta la caratteristica carenatura “bat-fly” e un sistema di Infotainment di grandissimo livello. Ma a colpire sono soprattutto le prestazioni del motore.

Devo ammetterlo: la Street Glide è la mia Harley-Davidson preferita. Forse perché, degli oltre trenta modelli a catalogo del Marchio di Milwaukee, è l’unica che sa fondere il fascino delle più scintillanti custom americane con il comfort di una touring.

E, nonostante la mole importante, si lascia guidare con incredibile facilità. È maschia e insieme sexy. Stando in sella, gongolo vedendomi riflesso nelle vetrine del centro, e solo i pressanti impegni quotidiani mi impediscono di volgere le ruote verso l’orizzonte e fermarmi solo per fare rifornimento o per godermi il panorama: questa moto è godibile tanto in città quanto nei lunghi viaggi. Peccato non possa permettermela, attualmente…Il prezzo è impegnativo, anche se bisogna tenere conto che un’Harley mantiene il suo valore nel tempo più elevato di qualunque altra moto.

Ma l’emozione di guidare il mito americano è alla portata di tutti, con il programma di noleggio disponibile presso l’Authorized Rental di Harley-Davidson Bergamo. Ed è così che mi sono regalato l’opportunità di provare con calma questa bellezza.

La nuova versione della Street Glide, che ora aggiunge al proprio nome la dicitura Special, introduce grosse novità, pur senza rinnegare la tradizione. Tanto per cominciare la si riconosce dall’estetica, non solo per il vivace arancione perlato (Amber Whiskey) dell’esemplare in prova: la caratteristica carenatura “bat-fly” ha una presa d’aria per ridurre i vortici dietro di essa e le borse si arricchiscono di un più pratico sistema di apertura “one-touch”.

La ciclistica gode di sospensioni posteriori a gas regolabili e di una ruota anteriore di ben 19” che, oltre a donare un aspetto più prezioso, rende la moto ancor più maneggevole e precisa. Ma questi sono solo dettagli: il sistema Infotainment di serie mi introduce in un nuovo livello di info-intrattenimento: radio Boom! Box 6.5GT, navigatore GPS, comandi vocali e Bluetooth e impianto Jukebox con porta USB per lettore iPod e iPhone. I comandi a manubrio sono pratici e facili da usare, ma c’è anche il display touchscreen a colori da 6,5”.

Alla fine però eleggo a vero protagonista dell’esperienza di guida il monumentale motore Twin cam 103 che, con i suoi 1.690 cc, ha un “tiro” da rimorchiatore sin dai più bassi regimi, ma erogato in maniera corposa e progressiva.

Phil Green – JUST

Ph: Atomika Production

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Giacomo Agostini, campionissimo bergamasco
Motori
Il campionissimo Agostini “Ecco la tre cilindri che conquistò il mondo”
La Opel Omega Lotus, splendida solo nel motore
Brutte e cattive
Opel Omega Lotus, un gioiello “inguardabile” dal motore stupendo
La splendida Ferrari 365 GTC sulle Mura venete
Regine di ieri
Sulle mura di Città Alta con uno dei 168 esemplari della Ferrari 365 GTC
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI