Yara, Massimo Bossetti ha tentato di suicidarsi in carcere con una cinghia - BergamoNews
Il caso

Yara, Massimo Bossetti ha tentato di suicidarsi in carcere con una cinghia

L'episodio sabato sera nel carcere di via Gleno a Bergamo, dove si trova rinchiuso da oltre un anno con l'accusa di aver rapito e barbaramente ucciso la tredicenne Yara Gambirasio

Massimo Giuseppe Bossetti ha tentato di togliersi la vita. Lo ha fatto sabato sera nel carcere di via Gleno a Bergamo, dove si trova rinchiuso da oltre un anno con l’accusa di aver rapito e barbaramente ucciso la tredicenne Yara Gambirasio.

Lo riporta l’edizione on line de La Stampa. A raccontare del tentato suicidio del 45enne muratore di Mapello è stata la moglie Marita Comi, che lo ha visitato nel pomeriggio di martedì 21 luglio.

La donna è uscita sconvolta dal colloquio e ha subito chiamato l’avvocato difensore Claudio Salvagni, che a sua volta ha raggiunto Bossetti in via Gleno.

In un momento di debolezza, Bossetti avrebbe tentato di impiccarsi con una cinghia, proprio all’indomani dell’udienza di venerdì 17 luglio, nel corso della quale si è parlato anche dei tradimenti della moglie.

Il carpentiere sarebbe stato fermato subito. Tanto che non si è reso necessario il ricovero in ospedale.

La terzia udienza del processo è stata fissata per l’11 settembre, con la deposizione di Maura Panarese, la mamma di Yara.

leggi anche
  • Il processo
    Polo, jeans e abbronzato, Bossetti sorride in Aula: “Ho fiducia nella giustizia”
    Generico
  • La curiosità
    Yara, inviati della Bbc al processo Bossetti: sarà realizzato un film
    Generico
  • Bergamo
    Processo Bossetti, il pm in Aula: “Tradimenti della moglie possibile movente delitto Yara”
    Generico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it