Quantcast
Polo, jeans e abbronzato, Bossetti sorride in Aula: "Ho fiducia nella giustizia" - BergamoNews
Il processo

Polo, jeans e abbronzato, Bossetti sorride in Aula: “Ho fiducia nella giustizia”

Il carpentiere di Mapello accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio ha scelto un look sportivo per il suo debutto di fronte ai giudici. Al termine il colloquio con i propri avvocati: "Hai capito tutto, Massimo?", "Eh, insomma..." la sua risposta.

Polo blu, jeans e abbronzato. Si è presentato così venerdi mattina Massimo Giuseppe Bossetti nell’aula d’assise del tribunale di Bergamo dove ha preso il via il processo che lo vede imputato per il delitto di Yara Gambirasio.

Il carpentiere di Mapello, rinchiuso nel carcere di via Gleno dal 16 giugno 2014 con la pesante accusa di aver barbaramente ucciso la ragazzina di Brembate Sopra, ha fatto il suo ingresso in Aula intorno alle 9.15, quando il giudice Antonella Bertoja ha dato il via all’udienza.

Accompagnato da due guardie giurate, con altre due poco più avanti che gli hanno tolto le manette, si è posizionato nell’auletta vetrata a sinistra del pubblico.

Bossetti ha scelto un look sportivo per il suo debutto di fronte ai giudici: polo blu, jeans attillati e scarpe da ginnastica bianche. Da notare anche l’abbronzatura, che nonostante un anno passato in carcere risulta vivace come prima dell’arresto. I suoi capelli, invece, sono più scuri e senza i colpi di sole che aveva in alcune immagini dello scorso anno, ma sempre curatissimi. Così come l’immancabile pizzetto, sempre molto preciso. 

Fin dall’inizio dell’udienza il 44enne è apparso tranquillo e a proprio agio nonostante la nutrita folla di presenti in Aula (oltre alla Corte e gli avvocati delle parti, anche una cinquantina tra giornalisti e curiosi).

Ha abbassato la testa un paio di volte, quando gli avvocati hanno pronunciato la parola "omicidio" (l’accusa per la quale è imputato), mentre ha sogghignato quando il pubblico ministero Letizia Ruggeri ha spiegato che secondo le tracce di Dna ritrovate sul cadavere di Yara, il suo assassino dovrebbe avere gli occhi chiari, proprio come quelli di Bosseti. 
Il carpentiere ha seguito l’intera l’udienza, durata in totale poco più di due ore, con estrema tranquillità.

Al termine, i suoi avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini, lo hanno raggiunto nella saletta vetrata per un breve colloquio: "Allora Massimo, hai capito tutto?", "Eh, insomma…" la sua risposta sorridendo. "Tranquillo, tanto poi ti spieghiamo tutto noi. E comunque il processo vero e proprio inizierà dalle prossime udienze". "Lo so, sono tranquillo perchè ho fiducia nella giustizia", ha concluso Bossetti, sempre con il sorriso sulla bocca, prima di essere di nuovo ammanettato e uscire dall’aula per fare ritorno nel carcere di via Gleno a bordo di un furgone blindato. 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Generico
La giungla del web
Yara, un delitto da social E su Facebook c’è la pagina del processo a Bossetti
Massimo Bossetti
Bergamo
Delitto Yara Gambirasio, è il giorno della verità: al via il processo a Bossetti
Generico
Foto e diretta
Yara, prossima udienza del processo Bossetti il 17 luglio: 5 le eccezioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI