Grecia a un passo dal default, ritirati 700 milioni dai bancomat - BergamoNews
Crisi

Grecia a un passo dal default, ritirati 700 milioni dai bancomat

Nella sola giornata di sabato dalle banche della Grecia sono stati ritirati fondi per 700 milioni di euro, a quanto si apprende da Bruxelles.

Nella sola giornata di sabato dalle banche della Grecia sono stati ritirati fondi per 700 milioni di euro, a quanto si apprende da Bruxelles. Solitamente invece, in un normale fine settimana vengono prelevati circa 30 milioni di euro. Da sabato mattina ai bancomat delle banche greche si sono formate lunghe code dopo che il governo ha annunciato che intende sottoporre a referendum il prossimo 5 luglio, l’ultima proposta di aiuti avanzata da Ue e Fmi. Dunque, code che si allungano ai bancomat in Grecia, in certi casi già a corto di contanti a dispetto delle rassicurazioni delle autorità. E code che iniziano a formarsi alche alle stazioni di rifornimento. Perché da lunedì non si sa cosa potrebbe accadere. Formalmente la Grecia è sotto la copertura europea fino al 30 giugno. Fino a ieri stava negoziando una possibile proroga di 5 mesi agli aiuti. Ma poi il premier Alexis Tsipras ha colto tutti di sorpresa annunciando un referendum sulle proposte Ue per domenica 5 luglio. Una mossa che ha ricevuto una accoglienza gelida da parte dell’Eurogruppo. "Martedì l’aiuto finisce", ha avvertito il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble. E così un crescente numero di greci si è precipitato a ritirare contanti ai bancomat, nel timore che a breve la situazione possa precipitare.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it