Valle imagna

Si apre Ca’ Berizzi sarà centro di animazione culturale e di promozione

Ca' Berizzi apre i battenti: il nuovo Centro di animazione culturale e di promozione dell'accoglienza nello spazio rurale è a Corna Imagna, in via Regorda, 7. E' aperto da giovedì 4 giugno tutti i giovedì, venerdì e sabato, dalle 15 alle 19. L'animatrice culturale e bibliotecaria del Centro Studi Valle Imagna vi illustreranno i progetti, le ricerche, le logiche fondative e le attività salienti del sodalizio culturale.

Dopo anni di attesa, finalmente il complesso monumentale di Cà Berizzi apre i suoi battenti in forma stabile ai primi servizi di animazione culturale ed economica, in una cornice ambientale suggestiva e con forti connotazioni architettoniche tradizionali di pregio. L’iniziativa si colloca nell’ambito del programma più generale della Strada dello stracchino e della pietra, che nei secoli passati ha caratterizzato la storia sociale delle popolazioni dell’alta Valle Imagna, della Valle Taleggio e di una parte della Valsassina e che ancora oggi è in grado di esprimere notevoli potenzialità di rigenerazione territoriale e di attrazione di interessi, in vista della costruzione di un nuovo equilibrio locale.

La proposta culturale ed economica nata a Cà Berizzi si colloca in piena sintonia con la rete di iniziative solidali che negli ultimi anni ha visto risorgere l’Antica Locanda Roncaglia a Corna Imagna, il complesso monumentale di Arnosto a Fuipiano Valle Imagna, le Baite & Breakfast in Valle Taleggio, nell’offerta congiunta e integrata di valori architettonici, insediativi, agroalimentari e produttivi sostenibili e coerenti in grado di generare nuova economia di territorio.

Il programma complessivo promosso dal Centro Studi Valle Imagna, sostenuto dal Comune di Corna Imagna e cofinanziato dalla Fondazione Cariplo, dalla Fondazione Banca Popolare di Bergamo e dal Credito Bergamasco, prevede l’apertura di Cà Berizzi in tre fasi ben distinte, destinate a creare i presupposti per ulteriori azioni a lungo termine: Dal 4 giugno 2015 sono accessibili i primi servizi culturali: biblioteca e sala multimediale (vedasi le fotografie sottostanti). È il primo spazio restaurato e accessibile dal mese di giugno 2015.

Ospita la sezione storica della biblioteca del Centro Studi (raccolte e fondi privati), il tesario (costituito da diverse centinaia di tesi di laurea di etnologia, architettura e design) e l’archivio dei video e fono-documenti della memoria e dell’identità. Funge da centro di promozione e animazione territoriale. Dal 1 giugno 2016 saranno offerti i servizi recettivi con ristorazione (bibliosteria), camere per il pernottamento e sala convegni. Durante gli esercizi 2017-2018 saranno portate a regime le attività di animazione e le proposte di accoglienza previste nel progetto Social Service Cà Berizzi, che a loro volta agiranno da volano generatore di ulteriori azioni di sviluppo territoriale.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI