• Abbonati
I risultati

Nozze gay, sì irlandese Affluenza altissima per lo storico referendum

Gli irlandesi hanno detto sì alle nozze gay. Lo hanno annunciato esponenti di entrambi gli schieramenti. Leader della campagna per il "no" hanno detto che l'unica questione aperta è il margine della vittoria dei "sì".

Gli irlandesi hanno detto sì alle nozze gay. Lo hanno annunciato esponenti di entrambi gli schieramenti. Leader della campagna per il "no" hanno detto che l’unica questione aperta è il margine della vittoria dei "sì". ”Sono ottimista per la vittoria del sì”, ha detto il premier irlandese Enda Kenny, commentando i risultati da cui emerge sempre più chiara una vittoria del blocco favorevole alle nozze gay. ”Con questo referendum il popolo irlandese sta mandando un messaggio pionieristico”, ha aggiunto.

Solo fino a due decenni fa nel Paese l’omosessualità era ancora considerata un reato. Poi in tempi rapidi è cambiato tutto. Nel 2010 sono state introdotte le unioni civili fra persone dello stesso sesso e ora gli irlandesi sono i primi al mondo a tenere un referendum per decidere sull’introduzione delle nozze gay. Questo potrebbe spingere anche altri Paesi, soprattutto quelli più tradizionalisti, a rivedere la loro politica in materia.

La valanga di sì al referendum per le nozze tra persone dello stesso sesso in Irlanda "dimostra come alla lunga le campagne d’odio nei confronti delle persone lgbt sono sconfitte dal buon senso popolare": è il commento di Aurelio Mancuso, presidente della rete per i diritti civili Equality Italia. Per Mancuso "il risultato di oggi parla anche al nostro paese, dove alcuni settori della gerarchia cattolica appoggiano orribili gruppi integralisti che propugnano esclusione e discriminazione, utilizzando un linguaggio che si sperava fosse stato sconfitto dalla storia". "In Irlanda moltissimi cattolici hanno votato sì, contraddicendo le pesanti ingerenze dei vescovi che erano schierati per il no. Ancora una volta il popolo di Dio è più saggio rispetto a una gerontocrazia che combatte contro ogni libertà. Ora la politica italiana impari la lezione e si decida finalmente a esser degno della collettività dei paesi europei più maturi e avanzati. La legge sulle unioni civili deve esser discussa subito e approvata in tempi ragionevoli da tutto il Parlamento" conclude il presidente di Equality Italia.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Persio Tincani, docente di Filosofia del diritto all'Università di Bergamo
L'esperto
Nozze gay, Italia come Usa “Non ci sono motivi per non riconoscerle”
Nozze gay
Diritti civili
Nozze gay all’estero, i 5 stelle incalzano Gori: “Sindaco, le trascriverà?”
Generico
Diritti civili
Nozze gay all’estero, a Bergamo per ora nessuna richiesta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI