Quantcast
Informare per invitare a donare gli organi: ad Almè ecco gli Aido box - BergamoNews
L’iniziativa

Informare per invitare a donare gli organi: ad Almè ecco gli Aido box

Il gruppo comunale Aido di Almè ha realizzato due Aido box posizionati in paese, mentre un terzo è di prossima installazione. L’obiettivo è promuovere la scelta della donazione degli organi.

Ad Almè fanno il loro debutto gli Aido box, punti di riferimento sul territorio per la raccolta di iscrizioni all’associazione italiana per la donazione di organi. L’obiettivo è promuovere la scelta di donare gli organi, per salvare vite umane, aiutare chi soffre e contribuire a curare malattie altrimenti incurabili.

Nell’ambito dell’iniziativa, organizzata dal gruppo comunale Aido di Almè, vengono installati due box in paese: il primo collocato nel centro Smile poliambulatorio in via Italia, 54 ad Almè, mentre il secondo alla farmacia del dottor Visini all’incrocio con via Brughiera. Inoltre, è prevista la collocazione di un terzo point alle piscine.

Dall’Aido comunale di Almè spiegano: “Con questa iniziativa vorremmo essere ancora più vicini a tutti coloro che attendono un trapianto e aspettano un donatore. Cerchiamo di diffondere la cultura della donazione e della solidarietà raggiungendo famiglia, anziani e giovani. Perché nessuno si senta esente dallo scegliere da che parte stare: o donatore o non donatore, l’importante è scegliere, perché non scegliere non serve a nessuno”.

leggi anche
Aido di Mozzo
Sociale
Il gruppo Aido di Mozzo compie 35 anni: pronti i festeggiamenti
Volontari Aido
L'iniziativa
A Bergamo l’Aidobox per chi vuol sapere come donare gli organi
Giorgio Frigeri, Leonida Pozzi e Luca Gotti
Bergamo
Ubi Banca presenta nuova carta enjoy a sostegno di Aido
Mattia Zanforlin, morto il 16 settembre
La storia
“Il mio regalo di Natale? Incontrare chi ha ricevuto gli organi di mio figlio”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it