Caravaggio, altro furto nel negozio di Cerioli Nel 2012 uccise un ladro - BergamoNews
Bassa

Caravaggio, altro furto nel negozio di Cerioli Nel 2012 uccise un ladro

Nel 2012 Angelo Cerioli sparò ad un ladro che tentava di introdursi nel suo negozio e lo uccise: il giudice lo assolse riconoscendogli solo la volontà di spaventare i malviventi. Ora nuovo furto di 30mila euro di articoli da giardinaggio.

Nuovo furto a Caravaggio nel negozio di articoli di giardinaggio di Angelo Cerioli, il commerciante che nel novembre 2012 reagì al tentativo di spaccata di alcuni malviventi sparando e uccidendo un romeno di 43 anni.

Nella notte di domenica i ladri, armati di piede di porco, hanno manomesso una finestra basculante al piano terra: bottino una trentina di motoseghe e altri attrezzi da giardinaggio, per un valore complessivo che si aggira attorno ai 30mila euro.

Cerioli si è accorto del furto solamente la mattina seguente: nessuno sembra aver visto l’azione dei malviventi, nonostante il negozio sia proprio sulla ex statale 11 e il titolare abiti al piano superiore.

Nel 2012, invece, Angelo Cerioli aveva sentito i malviventi che tentavano di sfondare la vetrina del negozio e si era affacciato alla finestra impugnando una pistola: per farli desistere sparò per due volte in direzione del cortile, colpendo a morte Dimitri Baciu.

A gennaio 2014 il commerciante venne assolto dall’accusa di omicidio doloso perchè il giudice ritenne che il suo comportamento fosse volto solamente a spaventare chi si era introdotto nella sua proprietà.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it