BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Adiconsum: “Attenzione ai cambi di contratto energia Non sono obbligatori”

Adiconsum Bergamo mette in guardia i consumatori sui cambi di contratto dell'energia elettrica: “Attenzione, non sono obbligatori e spesso nemmeno vantaggiosi. Visite porta a porta per far passare gli utenti dal mercato tutelato al mercato libero”.

Più informazioni su

“Non bastano quelli che vanno in giro a vendere gli aggeggi per rilevare le fughe di gas, assolutamente non obbligatori; in questi giorni girano, per la Provincia di Bergamo, diversi giovani con al petto tanto di cartellino indicante ‘Enel’ che, con metodi niente affatto corretti, cercano di far passare gli utenti dal mercato tutelato al mercato libero”.

L’allarme è di Eddy Locati, presidente di Adiconsum Bergamo, alle prese con l’ennesimo tentativo di circonvenzione ai danni dei consumatori bergamaschi, soprattutto quelli più deboli. Ma, in questo caso, gli aspetti interessanti sono di più. “Quello che è grave è che, in effetti, molti di loro fanno parte di Società che hanno avuto da Enel Energia questo mandato, ovviamente non gratis. Ricordiamo che Enel Energia si è dotata di un ‘sales code’, cioè di un codice di vendita, fissando delle regole ben precise, proprio per regolare le modalità attraverso le quali i Partner contattano i clienti”.

In particolare nel codice si dice, nella parte dedicata agli obblighi, che il personale deve mantenere, nei rapporti con il Cliente, un atteggiamento rigorosamente rispettoso della dignità e della libertà della persona, con particolare attenzione ai soggetti da considerarsi socialmente “vulnerabili”, per “debolezza” informativa e fascia d’età; deve esporre al Cliente, in modo trasparente, le regole del mercato libero, in particolare evidenziando al Cliente che è ancora servito in Regime di tutela che la conclusione di un contratto di fornitura nell’ambito del mercato libero comporta l’uscita dal regime di tutela e la conseguente applicazione di condizioni economiche e contrattuali diverse da quelle stabilite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il GAS; deve descrivere al cliente in modo chiaro ed inequivocabile le condizioni economiche e contrattuali dell’offerta, e assicurare la riconoscibilità del Personale commerciale.

“Tutto questo purtroppo il più delle volte non avviene – chiosa Locati -. Ecco perché, mentre chiediamo a Enel Energia di essere più assidua e convincente nel pretendere il rispetto del ‘sales code’, a cominciare dai cartellini che questi venditori portano al petto e indicano una appartenenza a Enel del tutto fuori luogo, ci sentiamo di invitare i consumatori a stare attenti, a non firmare nulla senza prima aver verificato bene quanto proposto, a comunicarci tempestivamente situazioni del genere e a denunciare alle Autorità eventuali comportamenti scorretti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mirco

    …che per chi ha abboccato e vuol tornare al vecchio contratto tutelato che ha tempo 14 giorni dal giorno della firma per recedere dal contratto con raccomandata con ricevuta di ritorno, all’indirizzo che si trova sul contratto firmato….ma attenzione vi sono due indirizzi uno per la luce e uno per il gas…quindi attenzione

  2. Scritto da mimma

    Succede dappertutto anche Milano e provincia. E purtroppo non è solo Enel. L’importante è continuare a fare capire ai più deboli “anziani ” di non aprire mai a persone sconosciute. I truffatori sono di ogni genere.

  3. Scritto da Alessandra

    in questo modo stanno facendo in tutta la Romagna.Mia madre 85 anni e la sua vicina,truffate in maniera vergognosa,da Enel energie.Ho aperto un fascicolo ad Adiconsum Cesena,e vorrei ringraziarvi X l’aiuto dato.Grazie!

  4. Scritto da Daniele

    A me è capitato anni fa, sarà che quand’ero giovincello mi è successo di venire “fregato” da venditori che fanno firmare contratti per strada in ben due occasioni, però non ho abboccato. In compenso ci stava cascando mio padre, fortunatamente sono passato da casa proprio mentre stava firmando il nuovo contratto, spacciato per un “aggiornamento” (questo è un raggiro vero e proprio), l’ho fatto notare al sedicente agente Enel e questi, seccato, ha strappato il contratto e se n’è andato.

  5. Scritto da cinzia

    Io sono una dei polli che ha abboccato, ma mi sembrava una buona offerta! Ma mi ha garantito facendomi notare nel contratto che se non soddisfatta posso recedere senza nessuna sanzione! Tutto ciò è successo lunedì, ormai che devo fare ?

  6. Scritto da Caterina

    Io abito ad Arcene, si sono presentati più volte delle persone che dicevano: siamo dell’enel, dobbiamo vedere la sua ultima bolletta x farle un’offerta più vantaggiosa. Io mi rifiutava e loro mi rispondevano, in modo sgarbato, che ero obbligata. Ultimamente fanno la stessa cosa anche al telefono. Io come faccio a denunciarli se non si presentano?

  7. Scritto da piera

    Oggi erano nella mia zona..che dobbiamo fare?

  8. Scritto da claudio

    Comunicar si …
    Importante sapere come mettersi in contato con Adiconsum Bergamo…