BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nel derby bergamasco trionfa l’Alto Sebino Per la BB14 playoff sicuri

Il derby orobico da una parte pregiudica in maniera definitiva la caccia a uno dei primi quattro posti in classifica dei cittadini, dall’altra permette loro, visti i risultati sugli altri campi e con tre giornate di anticipo, di poter avere la matematica certezza di disputare la post-season.

Giornata di campionato agrodolce quella odierna della Co.Mark Bergamo Basket 2014, alle prese da una parte trova con la sconfitta nel derby con la Vivigas Alto Sebino che da una parte pregiudica in maniera praticamente definitiva la caccia a uno dei primi quattro posti in classifica, dall’altra le permette, visti i risultati sugli altri campi e con tre giornate di anticipo, di poter avere la matematica certezza di disputare i playoff.

Sul campo di Pisogne i biancoblu padroni di casa, già salvi e senza mire playoff, schierano in quintetto Centanni-Truccolo-Meschino-Planezio-Spatti, mentre la Co.Mark si affida all’ormai collaudato starting five composto da Magini-Bona-Mercante-Cortesi-Chiarello. Primi minuti in assoluto equilibrio (6-6 al 4’), con Centanni e Spatti fra i locali e Magini e Bona fra gli ospiti a mettersi in mostra. Il 2’ fallo di Bona a metà quarto costringe la panchina giallonera ad anticipare le proprie rotazioni in campo, con una Vivigas che gioca a ritmo alto e una Co.Mark che trova punti e consistenza soprattutto da Chiarello, autore della tripla che dà il primo vantaggio BB14 (12-13 al 7’). L’impatto in campo dell’ex Azzola è positivo, ma è una schiacciata di Squeo a siglare il 20-16 Alto Sebino di fine primo quarto. Truccolo e Masper sono i protagonisti di inizio secondo quarto, con il centro bergamasco autore di 4 punti di fila (23-20 Vivigas al 12’). Bergamo si dimostra poco precisa e incisiva soprattutto in attacco, ne approfittano Belloni e Centanni per spingere i padroni di casa sul 30-23 al 17’. Mercante e un provvidenziale gioco da tre punti di Guffanti riportano a contatto la BB14 (30-28 al 18’), ma l’ultimo strappo è ancora biancoblu, con la tripla di Spatti che manda al riposo i suoi in vantaggio 34-28. E’ il terzo quarto a decidere le sorti del match: la Vivigas gioca più determinata e aggressiva, volando subito sul 42-30 e costringendo coach Galli al timeout. L’emorragia però non si ferma, gli energici padroni di casa si mostrano motivati al punto giusto e con un Truccolo indiavolato e un Centanni chirurgico aumentano ancora il vantaggio (49-32 al 24’). La Co.Mark non reagisce e subisce le scorribande degli esterni di casa, che portano al massimo vantaggio locale al 26’(61-39). Troppo brutti per essere veri, i gialloneri con un moto d’orgoglio piazzano un break di 20-7, a cavallo fra terzo e quarto quarto, che riporta in singola cifra lo svantaggio (68-59 al 34’). Gli animi si scaldano e il battibecco a muso duro fra Guffanti e Squeo costa l’espulsione di entrambi. Bona e Chiarello guidano l’ultimo disperato assalto, ma sono proprio due bergamaschi a chiudere il derby: Planezio e Spatti realizzano in successione i due canestri che mantengono a distanza di sicurezza gli altosebini, consegnandogli la posta in palio. Le sconfitte di Pordenone e Lecco portano comunque ai bergamaschi cittadini la matematica certezza di disputare i playoff; le ultime tre giornate di campionato diranno se la Co.Mark che si presenterà alla post season sarà quella spenta vista oggi sul campo di Pisogne o quella lucida e attenta ammirata nelle ultime settimane.

Queste le parole di coach Galli: "Merito ad Alto Sebino che ha fatto un’ottima partita, onorando il campionato, e tanti demeriti nostri nel non riuscire a seguire il piano gara, subendo oltremodo il loro atletismo. Nelle prossime gare mi aspetto una reazione da parte di tutta la squadra, giocando con continuità quella pallacanestro che ci ha permesso di arrivare ai playoff nel nostro primo anno in serie B".

Sulla stessa linea Gian Marco Petitto, vice allenatore BB14: "E’ un vero peccato aver giocato così scarichi questa gara, abbiamo reagito troppo tardi e quando ormai eravamo con l’acqua alla gola. Cercheremo di capire il perché e di utilizzare questa sconfitta come leva per affrontare con uno spirito diverso le prossime partite che ci aspettano".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.