BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maxi truffa da 300mila €: geometra bergamasco scovato dalle Iene – Video

Le Iene tornano a colpire un bergamasco. Il programma Mediaset ha scovato un truffatore che si definiva come un geometra che abita della nostra provincia

 Le Iene tornano a colpire un bergamasco. Il programma Mediaset ha scovato un truffatore che si definiva come un geometra che abita della nostra provincia. (Guarda il video cliccando QUI)

Il primo a finire nella sua trappola è stato il titolare della "Cvc Costruzioni" di Veronella (Verona). Alcuni mesi fa viene in contatto con un certo Gigi, il geometra – o sedicente tale – del Bergamasco, che gli promette di procacciare lavori alla sua impresa per la ricostruzione post terremoto del 2012 in Emilia. "In un periodo di crisi come questo, specie per noi del settore edile, ho pensato che sarebbe stato opportuno cogliere l’occasione", racconta Tagliaferro. "Peraltro, l’intermediario sembrava una persona fidata e mi era stato raccomandato da un operaio che in passato aveva lavorato con noi".

La caratteristica principale di Gigi, infatti, come ha spiegato la iena Andrea Agresti, era quella di presentarsi come uomo distinto, affidabile, persona al di sopra di ogni sospetto. Così conquistava la fiducia delle persone che poi ingannava.

Nella trappola è caduta Graziella di Carpi, un’artigiana che aveva avuto danni al suo laboratorio a causa delle scosse telluriche del maggio 2012. Il fantomatico geometra le si è presentato come rappresentante della "Cvc Costruzioni" e ha iniziato a lavorare, senza presentare alcun documento in Comune. A un certo punto, il cantiere si è fermato e Gigi è sparito. Non prima però di farsi firmare tre assegni in bianco dalla donna, regolarmente incassati. L’uomo alla fine si è volatilizzato con 117.400 euro.

Una truffa simile è stata commessa ai danni di un ex consigliere albaretano. "Il primo intervento edilizio che abbiamo svolto per lui è andato a buon fine", riferisce Tagliaferro. Quando è stato il momento di saldare i conti, l’uomo ha risposto con tranquillità che se ne sarebbe parlato più avanti, a lavori successivi. Nel frattempo ha proposto alla "Cvc" tre fabbricati da ristrutturare nel Modenese: due capannoni e una casa. Ma, a quel punto, sono iniziati i problemi. Il cantiere si è fermato quasi subito e Gigi si è fatto negare. Intanto però continuava ad ordinare ai fornitori materiale edilizio, utilizzando il nome della "Cvc": mattoni, tubi e cemento però non finivano in cantiere. Con tutta probabilità Gigi li rivendeva. Per Tagliaferro la perdita è stata ingente: 105mila euro.

Nella rete del truffatore sono finiti anche altri imprenditori e artigiani veronesi, tra cui il carpentiere Enrico Guiotto di San Bonifacio, a cui sono stati sottratti 40mila euro.

Rivoltisi alle «Iene», i raggirati hanno deciso di rendere pan per focaccia all’imbroglione. Gigi è stato attirato a San Bonifacio da Tagliaferro che gli ha proposto un accordo per saldare il suo debito. "Vieni qui, ho tre villette da costruire, così potrai estinguere la somma che mi devi", gli ha detto. Lui ci è cascato. Ad attenderlo ha trovato Agresti delle «Iene». Il truffatore ha tentato inutilmente di sfuggire alle telecamere.

Piangeva, sosteneva di essere stato lui stesso vittima di truffe, promettendo di restituire i soldi. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Renato

    Be, io l’ho conosciuto al bar. Mi ha anche offerto da bere e sono in debito con lui. I clienti del bar sono tutti sconvolti da questa cosa. Era una persona così per bene. Sobrio nel parlare ed anche nell’abbigliamento. Dava l’impressione di uno che spendeva la vita per il lavoro e che spesso era in trasferta, nel sud est asiatico, per lavoro. L’abito non fa il monaco, come si suol dire.

  2. Scritto da Narno Pinotti

    Qui sotto sono in quattro a voler sapere nome e cognome del presunto truffatore (presunto, perché celebrare i processi non è ancora compito delle Iene, le quali dopo la vicenda Stamina dovrebbero starsene ben mute e coperte). I quattro si firmano “nome”, “angelo”, “cris” e “giuseppe”. Non è dato sapere che interesse abbiano nella vicenda.

  3. Scritto da giuseppe

    Anche io ritengo che non guasterebbe conoscere l’identità di questo geometra. Anni fa ho conosciuto un geometra che ha tirato pacchi con tale disinvoltura e arguzia da meritarsi un premio è che so avesse mire di espansione verso il Garda.

  4. Scritto da cris

    Nomre e cognome di uno dei tanti”bidoni”che ammorbano la bergamasca.

  5. Scritto da angelo

    vogliamo nome e cognome, lui avrà diritto alla sua privacy, ma ai nostri diritti chi ci pensa? basta truffe non ne possiamo più
    rivendichiamo il diritto ad essere tutelati, cosa di meglio se non sapere nome e cognome del truffatore

  6. Scritto da nome

    ma non si può sapere il nome di questo gigi?