BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lega, in un giorno 800 firme contro i profughi al Celana “Noi non molliamo”

Dopo Dalmine, Caprino bergamasco: nuova raccolta firme della Lega Nord contro l'accoglienza di profughi in provincia di Bergamo. Ottocento le firme raccolte in un giorno dal presidio organizzato dalla segreteria dell'Isola bergamasca di fronte al collegio Celena, dove la prefettura ha ipotizzato di ospitare i profughi che a luglio dovranno lasciare l'ex casa di riposo di via Gleno

Dopo Dalmine, Caprino bergamasco: nuova raccolta firme della Lega Nord contro l’accoglienza di profughi in provincia di Bergamo. Ottocento le firme raccolte in un giorno dal presidio organizzato dalla segreteria dell’Isola bergamasca di fronte al collegio Celena, dove la prefettura ha ipotizzato di ospitare i profughi che a luglio dovranno lasciare l’ex casa di riposo di via Gleno (leggi qui).

Nel pomeriggio di domenica circa duecento persone hanno partecipato alla manifestazione che si è tenuta di fronte ai cancelli dell’ex collegio. “C’è stata grande partecipazione, anche da parte di persone che non sono iscritte alla Lega, ma hanno a cuore questo posto – spiega Tullio Angioletti, segretario della Lega Nord dell’Isola -. Sono arrivati ragazzi da Pontida, Cisano, Caprino: questa presa di posizione dovrebbe far riflettere il prefetto e il sindaco. Ci stiamo muovendo su due fronti: il primo, quello istituzionale, per far rivivere il collegio. Ci sono già contatti con alcune realtà. Siamo pronti anche ad altre azioni. Noi non molliamo. La gente che ha partecipato al presidio era molto determinata. La decisione della prefettura è uno scandalo, aggravato dal fatto che non c’è alcun pudore nello spostare clandestini come sacchi di patate da un posto all’altro”.

Salvini a Dalmine: “Profughi nella scuola? Entreremo prima noi”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da patrizia

    vi ricordo che celana è un piccolo paese, la popolazione è soprattutto da persone anziane, idem nei limitrofi; il tam tam è stato fatto a voce nella maggior parte dei casi! prima di scrivere cretinate meditate un attimo che esistono centri al di fuori di bergamo !

  2. Scritto da Gaetano Bresci

    ohe solidali, sveglia! a quando un bell’appuntamento antifascista-leghista. A Brescia sono assai più avanti (come sempre del resto) e sabato scorso eravamo in 5000 a contrastare il razzismo becero e d’accatto,
    .

  3. Scritto da Urka !

    Risultatone, pensate se avessero potuto firmare anche quelli che non sanno scrivere !

    1. Scritto da Marcus

      Complimenti per il solito snobismo di chi si ritiene piu’ intelligente, piu’ colto, piu’ democratico… In questo caso sì che potremmo utilizzare la parola “razzismo”.

  4. Scritto da Andrea

    Chi sono i deboli?
    Se intendi i clandestini meglio essere duri con chi sostiene politiche immigratorie folli che approfittarsi e speculare sulle vite umane per guadagnare (mafia capitale docet), senza contare i morti in mare… (grazie renzi&alfano).
    Se invece parli dei veri deboli, ovvero disoccupati, anziani, disabili, padri separati, persone sole rigorosamente ITALIANE, è vero… Per lo è veramente dura. Si.
    (grazie renzi&alfano).

  5. Scritto da pedro

    “aggravato dal fatto che non c’è alcun pudore nello spostare clandestini come sacci di patate da un posto all’altro”. ah! ma allora è questo il motivo… che cuore grande avete, voi padani! però non si capisce quale sia la vostra proposta per gestire questa situazione: affondare i barconi? sparare dalle coste? mandare salvini in africa a spiegare che è meglio non partire?

  6. Scritto da a

    Avanti così. Bravi. Duri coi deboli.

    1. Scritto da Tullio

      Secondo il ministero dell’interno solo il 10% dei richiedenti asilo ne ha realmente il diritto, il restante 90% proviene da Stati senza guerre in corso o particolari difficoltà. Come fa Lei invece a determinare chi è il “debole”? Ina base a quanta pena riescano a farle?