BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Expo aprirà non finito “Se mancherà qualcosa, mancherà pochissimo”

A poche settimane dall'inaugurazione ormai è certo i lavori per la costruzione dei padiglioni di Expo non saranno completamente conclusi entro il primo maggio.

A poche settimane dall’inaugurazione ormai è certo i lavori per la costruzione dei padiglioni di Expo 2015 non saranno completamente conclusi entro il primo maggio. Nei giorni scorsi è emerso che quattro paesi avevano problemi nell’avanzamento dei cantieri, ora arrivano notizie di ritardi anche per il Padiglione Italia. Centinaia di operai lavorano 24 ore su 24: le strutture saranno finite, per gli allestimenti invece bisognerà chiudere un occhio. Non è mai stata semplice, l’impresa di Padiglione Italia. È un intero quartiere che sorge lungo il viale più corto di Rho-Pero. Ci sono le quattro strutture che si affacciato sui 350 metri del cardo. A Nord il padiglione dell’Unione europea e quello del vino, che sono a buon punto (come gli spazi a rotazione per regioni e territori); a Sud le costruzioni di Coldiretti, Confindustria e Lombardia in difficoltà. E soprattutto c’è Palazzo Italia, l’edificio principale, l’unico destinato per ora a rimanere in piedi.

"Sono veramente realisticamente sereno perché stiamo vedendo l’avanzamento. Ogni sito ogni due giorni vede i cantieri che cambiano e si sta andando verso un’apertura che sarà un’apertura completa. Se mancherà qualcosa, mancherà veramente pochissimo e nulla toglierà il piacere della visita del visitatore". Lo ha detto il Commissario Unico per Expo 2015, Giuseppe Sala, a margine di una iniziativa su Expo a Firenze. "Abbiamo 75 padiglioni alla fine, di cui 54 di singoli Paesi e devo dire che ce ne saranno in ritardo 3 – ha aggiunto – Siamo nel campo del gestibile. Molto bene sulle opere di infrastrutturazione, io sono veramente tranquillo". Parlando poi di Padiglione Italia a Expo, ha aggiunto: " il cardo sud è una delle parti un po’ più indietro e c’è sempre un po’ questo concetto del rush finale, ma ci stiamo rimettendo a posto. Chi vede il cardo sud, lo vede cambiare ogni giorno".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maurizio

    Non voglio fare il menagramo, ma su un cantiere del genere neanche uno che si sia fatti un tagliettino? Con il paiolo che l’ASL l’Ispettorato del Lavoro, i Carabinieri ecc.fanno alle imprese sui cantieri, norme di sicurezza, presenza contemporanea di più cantieri, rischi ecc., quì tutto tranquillo? 24 ore su 24?
    CHE CANTIERI MODELLO!!!!!!

  2. Scritto da Magister

    Basta parlare con gli operai che ci lavorano per capire che molto è finito in qualche modo giusto per l’apertura e che altro viene nascosto per non fare brutte figure.

  3. Scritto da Luca

    L’importante è che si cerchino VOLONTARI!!

  4. Scritto da Walter

    Si sapeva già da tempo che avrebbero inaugurato Expo incompleta,per non parlare di alcuni stati che hanno ritirato la propria adesione per il pressapochismo nell’organizzazione che non avrebbe garantito il padiglione realizzato nei tempi e gli alti costi.Alcuni stati hanno il padiglione completato da settimane ma non hanno le vie di accesso.Ora x necessità si bypassano le regole e basta fornire una autocertificazione dell’impresa costruttrice/allestitrice e va tutto bene. Welcome in Italy

  5. Scritto da W il cioccolato

    La solita figura da cioccolatai