BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’assessore Mantovani alle Humanitas Gavazzeni: “Professionalità e ingegno” fotogallery

Il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani ha visitato nella mattinata di giovedì 26 marzo l'ospedale polispecialistico Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

"La visita alla struttura dell’Humanitas Gavazzeni è stata molto positiva, ho avuto modo di conoscere i singoli reparti e ho potuto constatare grande professionalità e grande ingegno". Lo ha detto il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani al termine della visita, questa mattina, all’ospedale polispecialistico Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

"Sono convinto – ha aggiunto il vice presidente – che la buona sanità lombarda, riconosciuta a livello nazionale e internazionale, trovi ragione d’essere proprio perché le prestazioni che forniamo sono di altissima qualità. L’ospedale Gavazzeni – ha concluso Mantovani – è una struttura molto curata, dotata di dirigenti amministrativi, medici, tecnici e infermieri di grande competenza ai quali dobbiamo riconoscere il merito di rendere grande la nostra sanità".

L’Humanitas Gavazzeni è presidio privato accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale per le attività ambulatoriali e di ricovero. L’ospedale conta 313 posti letto, di cui 16 in terapia intensiva, degenza ordinaria e day hospital. Sono poi operativi un Pronto Soccorso (DEA), 50 ambulatori, 9 sale operatorie, 3 sale angiografiche, Terapia Intensiva e Unità Coronarica, endoscopia, punto prelievi e laboratorio analisi, radiologia e diagnostica per immagini, un’Unità di senologia, un Centro obesità, un centro odontostomatologico.

L’assistenza sanitaria è affidata a circa 650 persone: 550 tra medici, tecnici, infermieri e ausiliari; sono un centinaio gli addetti al servizio clienti e gli amministrativi che si occupano dell’organizzazione e della gestione ospedaliera.

Particolare attenzione viene posta anche alle attività di didattica e formazione degli operatori sanitari, sia in ambito di specializzazione universitaria sia di aggiornamento professionale post-laurea, resa possibile anche grazie agli accordi stipulati con importanti istituzioni accademiche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lidia

    Tutti bravi efficienti organizzati..certo in visita ufficiale. Prova a stare 20 gg ricoverato (tiro in ballo Ospedale Papa Giovanni) di cui 10 in inutile attesa per visita e diagnostica interna. Mi sovviene una domanda:quanto costa tenere una persona 10 gg in più a scaldare il letto??? O meglio chi ci guadagna? E poi che senso ha ricoverare dicendo così facciamo tutti gli esami se poi la procedura interna non è veloce ed efficiente?

  2. Scritto da Pep

    Perchè non si evitano questi articoli ?

  3. Scritto da magister

    Dai privati amici suoi ci va eccome, dell’ospedale pubblico di S.Giovanni Bianco se ne frega!!

  4. Scritto da Mao

    Ahahah,una barzelletta l’assessore regionale che fa sanità con i soldi delle nostre tasse solo in un paese malato e alla deriva poteva succedere,e i detrattori di Berlusconi cercavano il conflitto di interessi qui sopra c’è ne una montagna.