BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Revisione delle partecipate, l’opposizione: “La Giunta non ha rispetto”

I Consiglieri di minoranza in Consiglio comunale a Bergamo Stefano Benigni, Alberto Ribolla e Andrea Tremaglia, rispettivamente di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, intervengono sulla delibera approvata in Giunta che ha dato il via libera al nuovo piano di razionalizzazione delle società partecipate.

Più informazioni su

I Consiglieri di minoranza in Consiglio comunale a Bergamo Stefano Benigni, Alberto Ribolla e Andrea Tremaglia, rispettivamente di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, intervengono sulla delibera approvata in Giunta che ha dato il via libera al nuovo piano di razionalizzazione delle società partecipate (leggi qui).

“Siamo rimasti stupiti dall’apprendere la notizia che la Giunta, guidata dal Sindaco Giorgio Gori, abbia approvato una delibera per dare il via al piano di razionalizzazione delle società partecipate” dichiarano i Consiglieri di minoranza Stefano Benigni, Alberto Ribolla e Andrea Tremaglia, rispettivamente di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, “non per il tema in sé, bensì per le modalità con cui questa operazione è stata portata avanti dall’Amministrazione”. “Su nostra proposta infatti il Consiglio comunale ha votato all’unanimità, ben due mesi fa, l’istituzione di un tavolo tecnico il cui compito sarebbe stato quello di vagliare singolarmente le società partecipate dal Comune di Bergamo e – una volta valutati costi, utilità, bilancio e operato degli amministratori – decidere eventuali tagli e la strategia migliore per la riduzione dei costi” spiegano i Consiglieri.

“Ancora una volta invece Sindaco e Giunta, con grande arroganza e senza alcun rispetto, hanno sminuito il ruolo del Consiglio comunale che nelle scelte importanti – come già per la Montelungo e Piazzale della Stazione – non viene tenuto in considerazione o, come in questo caso, ne viene messa da parte la volontà” dichiara Stefano Benigni, Consigliere comunale di Forza Italia. “Mi chiedo perché improvvisamente la maggioranza affronti così frettolosamente un tema importante e sul quale è necessario fare un lavoro minuzioso per tagliare il più possibile sprechi e costi, quando il primo ordine del giorno della minoranza per razionalizzare le società partecipate è stato presentato ben otto mesi fa. Ci aspettiamo – conclude Benigni – che questa delibera, che ad una prima analisi non risulta per nulla soddisfacente, venga sospesa e che venga convocato il tavolo di lavoro richiesto, prima del passaggio in Commissione e in Consiglio comunale viste anche le recenti gravi carenze in tema di trasparenza che hanno coinvolto alcune di queste società.”

"Forse si sono accorti di aver perso tempo e così hanno scavalcato il Consiglio Comunale e l’ordine del giorno che avevamo tutti votato all’unanimità", commenta Andrea Tremaglia, capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, "si era stabilito di costituire prima un tavolo tecnico che avrebbe analizzato, con serietà e imparzialità, i tagli necessari e dovuti: invece ancora nessun tavolo, nessun coinvolgimento della minoranza, niente in assoluto. Era importante in questo momento dare un segnale di unità e invece si è scelta la fretta. Ci troviamo a fine marzo e affrontiamo per la prima volta l’argomento con una commissione convocata un’ora prima del consiglio comunale che dovrà approvare la delibera: pazzesco."

“Ritengo grave, e mancanza di rispetto nei confronti dei consiglieri di minoranza, portare all’attenzione della commissione bilancio, convocata peraltro in seduta urgente prima del consiglio di lunedì, una delibera relativa alla razionalizzazione delle partecipazioni e dei costi delle società partecipate quando sono ormai passati due mesi dalla nostra richiesta, approvata, in consiglio comunale per convocare un tavolo sul medesimo argomento” dichiara Alberto Ribolla, capogruppo in Consiglio comunale della Lega Nord. “Per di più, il Sindaco aveva mandato una mail ai capigruppo dicendo che il tavolo sul tema sarebbe stato convocato a breve. Ancora una volta ci viene richiesto di approvare una delibera a pacchetto chiuso senza la possibilità di dire la nostra. Una presa in giro.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carola

    Questa Giunta non ha la volontà di coinvolgere nessuno, se andranno avanti non riusciranno neanche a chiudere il mandato perchè le realtà del territorio gli faranno una contrapposizione fortissima

  2. Scritto da Che c'azzecca

    Ma che palle! Hanno la maggioranza, quindi che c’azzeccano le opposizioni. Chi ha i numeri fa quello che vuole, giustamente. Vedi Renzi. E allora? Quando avevate i numeri facevate pure voi quel che volevate. Che c’azzecca l’opposizione?