BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mercatone Uno Verdello Sciopero a sorpresa: bloccati tir e ingressi

Sciopero e presidio a sorpresa al  Mercatone Uno di Verdello: i lavoratori del punto vendita bergamasco della catena di arredamento mercoledì pomeriggio hanno bloccato un tir che stava caricando articoli dal magazzino per trasportarli altrove e deciso di non effettuare l'apertura del negozio.

Sciopero e presidio a sorpresa al  Mercatone Uno di Verdello. I lavoratori del punto vendita bergamasco della catena di arredamento mercoledì pomeriggio hanno infatti “sorpreso” un camion del gruppo che stava caricando articoli dal magazzino per trasportarli altrove. Hanno così deciso di bloccare l’operazione e, contestualmente, di non effettuare l’apertura del negozio.

All’esterno, infatti, si sono precipitati quasi tutti i dipendenti del Mercatone, anche esasperati dal fatto che sono oltre due mesi che questa vertenza va avanti e a oggi non si vedono spiragli positivi. Nessuna risposta è stata data e dal 21 marzo a Verdello e in altri 34 sparsi per l’Italia, è partita una svendita totale.

“È chiaro quello che accadrà: alla fine della svendita Mercatone Uno chiuderà. Oggi (mercoledì ndr) i lavoratori, spontaneamente e inaspettatamente, sono scesi in sciopero – dicono Mauro Rossi di Filcams Cgil Bergamo, e Terry Vavassori, della segreteria Fisascat Cisl provinciale -, organizzando un presidio che ha simbolicamente bloccato punto vendita e magazzino, impedendo al tir di caricare merce per chissà quale destinazione. Tutti i dipendenti vogliono garanzie, risposte. L’iniziativa ha dimostrato quanto la pazienza dei lavoratori stia finendo. Siamo pronti a mobilitarci nuovamente, a partire dal prossimo incontro al Ministero che si terrà il primo aprile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da chicchettoni

    E Galizzi che dice?

  2. Scritto da Remo Fazzini

    Si alla lotta per la difesa del posto di lavoro, la mia solidarieta