BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contratti falsi per immigrazione clandestina: sgominata banda a Bergamo

La Squadra Mobile di Cuneo, in collaborazione con i colleghi di Bergamo, Brescia e Salerno, ha eseguito 11 arresti domiciliari nei confronti di altrettante persone, accusate di associazione a delinquere finalizzata a procurare illegalmente, mediante la stipulazione di contratti di lavoro ideologicamente falsi, l’ingresso o la permanenza di stranieri nel territorio Italiano.

Più informazioni su

La Squadra Mobile di Cuneo, in collaborazione con i colleghi di Bergamo, Brescia e Salerno, ha eseguito 11 arresti domiciliari nei confronti di altrettante persone, accusate di associazione a delinquere finalizzata a procurare illegalmente, mediante la stipulazione di contratti di lavoro ideologicamente falsi, l’ingresso o la permanenza di stranieri nel territorio Italiano.

Il gip del Tribunale di Brescia, dopo una lunga attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile di Cuneo, ha emesso le ordinanze di custodia cautelare nei confronti di M. G.,trentacinquenne, nato in provincia di Salerno, residente a Bergamo; M. R., 60enne residente in provincia di Salerno; C. L., 36enne, residente a Bergamo; D. O., senegalese di 45 anni, domiciliato nella Bergamasca;K. T. A., nata in Eritrea nel 1958, residente in provincia di Bergamo; N. C. A., nato in Guinea nel 1978, residente a Bergamo; S. D., nato in India nel 1985, residente in provincia di Bergamo; K. B., kosovaro 34enne, residente in provincia di Brescia; S.S. indiano di 31 anni, residente nella Bergamasca; M.R., pakistano di 39 anni, anch’egli residente a Bergamo; A.D. bergamasco di 38 anni residente nella città capoluogo.

La complessa attività di indagine, coordinata dai pm Gaverini della Procura di Bergamo e  Raimondi della Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, è stata condotta, principalmente, attraverso l’utilizzo dei servizi di intercettazione telefonica e grazie alle dichiarazioni che gli investigatori della Squadra Mobile di Cuneo hanno via via raccolto da vari cittadini extracomunitari in ordine all’ottenimento del permesso di soggiorno.

Nel corso delle indagini è emerso che M.R. e di M.G., padre e figlio, italiani, il primo avvocato, il secondo praticante, sono da considerare come i capi dell’organizzazione criminale. I due, infatti, anche per mezzo di un’agenzia di consulenza per stranieri gestita dal figlio, coordinavano l’attività di altri indagati  – appartenenti alle comunità di origine africana, indiana, kosovara e  pakistana –  che, a loro volta, si presentavano come “rappresentanti” di connazionali desiderosi di ottenere i permessi di soggiorno. Seguivano personalmente l’iter burocratico necessario per l’ottenimento dei nulla osta all’ingresso in Italia, per le istanze di emersione dal lavoro sommerso e per il rinnovo del permesso di soggiorno preoccupandosi, inoltre, di procurare i contratti di lavoro simulati. Padre e figlio non esitavano a dare precise indicazioni agli stranieri anche fornendo consigli sull’atteggiamento da tenere di fronte alle domande dei poliziotti. In una conversazione, uno straniero, convocato dagli investigatori della Squadra Mobile, dice al padre che non riferirà alla Polizia di aver comprato il contratto da lui ma che dirà di essere stato aiutato a trovare lavoro da un italiano; l’avvocato, allarmato da questa “confessione”, cerca di prendere le distanze dall’interlocutore ma questi, a dir poco ingenuo, continua la telefonata ribadendo che non dirà che lui  gli ha venduto il contratto di lavoro.

Altri due soggetti, C.L. e A.D.: il primo, persona di fiducia dei capi dell’organizzazione, riscuoteva  il denaro versato dai cittadini stranieri; il secondo, nella sua veste di amministratore di alcune società, forniva i  falsi contratti di lavoro e le buste paga in cui erano inseriti compensi mai versati ai lavoratori assunti. L’attività investigativa è stata resa più agevole dalla collaborazione degli uffici dell’Inps grazie a cui si è capito come le società che assumevano i lavoratori stranieri non versavano, poi, i relativi contributi previdenziali e assistenziali: in alcuni casi, le assunzioni erano finalizzate esclusivamente ad ottenere vari benefici, quali sussidi di disoccupazione, maternità, accesso a fondi regionali. L’indagine che oggi viene conclusa ha portato alla luce l’attività criminale di un’organizzazione ben strutturata, composta da soggetti di varia nazionalità,  estrazione sociale e in possesso di varie competenze professionali: questa organizzazione ha  saputo sfruttare senza scrupoli il desiderio di molti di loro di avere una vita regolare in Italia. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.