Santuario di Caravaggio Ora si paga anche per parcheggiare la bici - BergamoNews
Bassa

Santuario di Caravaggio Ora si paga anche per parcheggiare la bici

Papa Francesco storcerebbe sicuramente il naso, ma stavolta sembra che il rettore del santuario di Caravaggio (lo stesso dei candelabri con carta di credito) non sia responsabile dell'eliminazione delle rastrelliere per le biciclette. Che ora sono solo a pagamento.

Papa Francesco storcerebbe sicuramente il naso, ma stavolta sembra che il rettore del santuario di Caravaggio (lo stesso dei candelabri con carta di credito) non sia responsabile dell’eliminazione delle rastrelliere per le biciclette. Non è tanto una questione di comodità per le migliaia di ciclisti che ogni settimana, soprattutto d’estate, raggiungono il santuario della Bassa, ma di soldi. Senza il parcheggio interno infatti è obbligatorio lasciare la bicicletta nei posteggi a pagamento. Cinquanta centesimi per posteggiare la due ruote.

Colpa di una richiesta della sovrintendenza dei beni architettonici che ha chiesto la rimozione di tornelli e rastrelliere perché “incongrui con le strutture architettoniche del tempio”. Fino a quando non verranno rimessi – non è stata indicata nessuna data – i ciclisti dovranno pagare oppure parcheggiare “selvaggiamente” lungo il muro che circonda il giardino del santuario.

leggi anche
  • Bassa bergamasca
    “Salviamo il santuario di Caravaggio” Il no alla cava corre su Facebook
  • Preghiera hi tech
    Al santuario di Caravaggio riecco i ceri che si pagano con la carta di credito
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it