Omicidio Cantamessa: "Vicky Vicky voleva uccidere", 30 anni la richiesta del pm - BergamoNews
Il processo

Omicidio Cantamessa: “Vicky Vicky voleva uccidere”, 30 anni la richiesta del pm fotogallery

Trent'anni di carcere per Vicky Vicky, l’indiano di 25 anni che investì e uccise la dottoressa Eleonora Cantamessa e il proprio fratello Baldev Kumar la sera dell'8 settembre 2013. E' questa la richiesta del pm Fabio Pelosi venerdì 20 marzo.

 Trent’anni di carcere per Vicky Vicky, l’indiano di 25 anni che investì e uccise la dottoressa Eleonora Cantamessa e il proprio fratello Baldev Kumar la sera dell’8 settembre 2013 a Chiuduno. E’ questa la richiesta avanzata dal pm Fabio Pelosi venerdì 20 marzo davanti alla corte d’Assise presieduta dal giudice Antonella Bertoja.

Pelosi ha spiegato come "Vicky Vicky quella sera, a differenza di quanto affermato, sapeva benissimo che con la manovra che stava facendo avrebbe potuto uccidere qualcuno, ed era anche consapevole che nel gruppo che stava per investire c’era pure il fratello Baldev Kumar. Ma non solo, dopo l’investimento non si è fermato per prestare soccorso, ma è fuggito. Eleonora Cantamessa si era fermata per soccorrere delle persone in difficoltà, portando avanti un valore sociale che tutti dovremmo osservare. Per questo – ha spiegato ancora il pm Pelosi – non deve passare il massaggio che nel nostro Paese chi aiuta il prossimo non venga tutelato".

La sentenza è attesa per la prossima settimana, mercoledì 25 marzo.

Nella precedente udienza l’imputato si era difeso spiegando invece che non era sua intenzione uccidere il fratello e la dottoressa. 

Guarda il video qui: 

Più informazioni
leggi anche
  • Il processo
    Omicidio Cantamessa, i genitori in lacrime: “Un oltraggio le scuse”-Video
    Generico
  • Il processo
    Omicidio Cantamessa in aula Vicky Vicky: “Non volevo uccidere”-Video
    Generico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it