BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Chiuso kebab a Spirano Le reazioni: “Assurdo” “No, il sindaco ha ragione”

Kebab chiuso a Spirano per il mancato rispetto del regolamento architettonico previsto nel piano di governo del territorio. Il provvedimento è stato adottato dall'amministrazione, guidata dal sindaco leghista Giovanni Malanchini, per tutelare le attività tradizionali e per la prima volta è stato applicato.

Kebab chiuso a Spirano per il mancato rispetto del regolamento architettonico previsto nel piano di governo del territorio. Il provvedimento è stato adottato dall’amministrazione, guidata dal sindaco leghista Giovanni Malanchini, per tutelare le attività tradizionali e per la prima volta è stato applicato. Lunedì 16 marzo un locale in via Manzoni è stato chiuso dalla Polizia locale nel giorno di apertura (leggi qui).

Bergamonews ha pubblicato la notizia e subito sono scatenati i commenti dei lettori. Non c’è prevalenza di contrari e favorevoli. Le reazioni si dividono tra favorevoli al provvedimento e nettamente contrari.

Vi proponiamo alcuni commenti:

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da wirtak

    A Forte dei Marmi (roccaforte PD) se lo fanno loro va bene se lo fanno gli altri no. Fonte http://www.stranieriinitalia.it/
    Roma – 10 ottobre 2011 – Vietati il kebab e gli involtini primavera, ma anche la paella, i tacos e i Bic Mac. È un’intolleranza alimentare di proporzioni sconcertanti quella che ha colpito agli amministratori di Forte dei Marmi.

  2. Scritto da Bertoldo

    Che poi, il kebab, è stato inventato in Germania, copiando il “ghiros” greco. I leghisti pur di acchiappare voti non smettono di “far bella figura” con i gonzi e gli sfigati.

  3. Scritto da stefano b.

    x mancato rispetto del regolamento architettonico!!!???
    aspettiamo la stessa attenzione ed efficienza per tutti gli abusivismi edilizi sul territorio che di sicuro non mancano.

  4. Scritto da Paolo

    Questo sindaco cosa non farebbe pur di essere sempre in prima pagina sui giornali. Mi sembra molto ma molto narcisista.

  5. Scritto da A.Z. Bg

    Ottimo, brao sindéch! La legge c’è e deve essere applicata.Come mai non si mai fatto trovare il titolare prima di ieri?Cosa aveva da nascondere?Vorreei aprire un negtosio che venda pane e salame,pà e strinù e costine di maiale in Nigeria o Arabia o Marocco.Dite che le loro autorità me lo lasciano aprire?Fuori dalle balle trutta sta gente prepotente e pretenzionsa. Reciprocità!

    1. Scritto da s

      Ma questi personaggi se li inventa la redazione per farci divertire? Perchè un genio del commercio che vuole vendere maiale dove non lo mangiano, penso che solo dei comici lo possano inventare.

    2. Scritto da pablo

      quindi fuori dalle balle questa gente prepotente e pretenzio(n)sa. il problema è che però lei, nello stesso commento, dimostra di essere contento che il sindaco di spirano si comporti come farebbero (sempre secondo lei) in Nigeria o Arabia o Marocco. Insomma, prenda una posizione.

    3. Scritto da giggi

      vendere salumi in paesi islamici? az ha il fiuto degli affari! ma vedi di smetterla con la tua reciprocità. e com’è che la pizza è conosciuta universalmente e pà e strinù niente? siamo inferiori ai napoletani, tu e il malanchini fatevene una ragione.

  6. Scritto da akex

    Difendiamo le nostre tradizioni visto che loro non li rispettano. Avanti così…

  7. Scritto da il polemico

    se il proprietario ha fornito un domiclio falso e eluso dei paletti sul fatto di indicare la provenienza della carne,come pare indicato nel precedente articolo che sembra non tutti hanno compreso nel leggerlo,ma perchè scandalizzarsi se è stato chiuso?se aveva ottenuto l’autorizzazione per aprire e non ha rispettato le regole,gli antileghisti cosa devono mai difendere?se aveva ottenuto l’autorizzazione per aprire fornendo un domiciclio fasullo,dovrebbe essere denunciato per falso

  8. Scritto da Graziano

    Se fossi il gestore farei ricorso anche a livello europeo, chiedendo risarcimento danni per ogni giorno di chiusura subita. Credo che il comune sarà costretto a pagare, peccato che poi lo farà con i soldi dei cittadini e non come dovrebbe essere con quelli del sindaco.

  9. Scritto da Francesco

    Grazie a questa chiusura tutti i bergamaschi ritroveranno il lavoro vero? che colpa ne ha il povero proprietario (ammesso e non concesso che abbia comunque rispettato tutti i vincoli). Quanti bergamaschi avrebbero aperto un’attività al posto suo? ve lo dico io. zero. iniziativa patetica e molto discriminante, questo decreto fa acqua da tutte le parti, chi stabilisce cosa è tradizionale e cosa no? lasciando perdere il semplice discorso che il kebab può piacere o meno…

  10. Scritto da l'orso orobico

    Assolutamente ridicolo, ma il libero commercio filosofia del nuovo secolo non va bene per tutto e per tutti?

  11. Scritto da renato

    La piazza di Spirano deve mantenere un carattere spiranese non un’atmosfera da bazaar.

    1. Scritto da Giovanni

      Il carattere spiranese è riconosciuto in tutto il mondo!

    2. Scritto da Andrea

      Appunto! In questo modo folle di turisti da tutto il mondo non aspetteranno altro che di venire a visitare Spirano. A proposito, come la mettiamo con la pizza? Non solo per il pomodoro (che viene da fuori come il mais per la polentta), ma per l’origine “sospetta”?