BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Formazione professionale, Barboni: “Garantire corsi anche alla luce dei tagli”

È concreto il rischio di diminuzione del numero di corsi e di allievi, a seguito dei tagli sui centri di formazione professionale pubblici. I consiglieri regionali del Partito Democratico Fabio Pizzul e Mario Barboni: “Garantire i corsi per il 2015 e il 2016 anche alla luce dei tagli”.

È concreto il rischio di diminuzione del numero di corsi e di allievi, a seguito dei tagli sui centri di formazione professionale pubblici. Il campanello d’allarme si è acceso in occasione di un incontro delle organizzazioni sindacali in rappresentanza dei lavoratori della formazione professionale alla commissione VII regionale, per fare il punto sulla situazione, al netto del taglio dei fondi stabilito dalla giunta.

Intervenendo in merito alla questione, i consiglieri regionali del Partito Democratico dichiarano: “Per quanto riguarda i dipendenti, è stato totalmente disatteso l’accordo del 2000, perciò essi si ritrovano dipendenti di agenzie provinciali di formazione professionale, oggi in crisi in mancanza dei fondi fin qui assicurati dalla regione. Auspichiamo che con il nuovo impianto finanziario della formazione che deve andare al di là delle doti, sia possibile garantire la sopravvivenza dei corsi erogati oggi dai centri di formazione professionale dato che la formazione gestita ed esercitata da questi centri dà risultati migliori anche rispetto alle altre scuole: chi esce dai centri di formazione professionale trova infatti lavoro al 70%. E auspichiamo pure che l’incontro chiesto dai sindacati all’assessore Aprea possa avvenire al più presto per avere certezza sui finanziamenti non solo per quest’anno formativo, ma anche per gli anni successivi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.