Unificare le scuole primarie di Costa Imagna e Roncola, sì bipartisan del Consiglio - BergamoNews
Valle imagna

Unificare le scuole primarie di Costa Imagna e Roncola, sì bipartisan del Consiglio

Voto favorevole bipartisan del Consiglio comunale di Costa Imagna sulla mozione presentata dal gruppo di minoranza “Insieme per Costa” con l'obiettivo di unificare le scuole primarie di Costa e Roncola San Bernardo. Da anni in Valle Imagna si discute la riorganizzazione del servizio scolastico.

Voto favorevole bipartisan del Consiglio comunale di Costa Imagna sulla mozione presentata dal gruppo di minoranza “Insieme per Costa” con l’obiettivo di unificare le scuole primarie di Costa e Roncola San Bernardo. Da anni in Valle Imagna si discute la riorganizzazione del servizio scolastico. Finora però l’amministrazione non è riuscita a definire una soluzione con tutti gli attori che operano nel settore: provveditorato e diocesi di Bergamo, oltre ovviamente ai genitori degli studenti.

Con la mozione dell’opposizione approvata dal Consiglio può così iniziare il percorso che porterà “all’unione delle scuole primarie di Costa Imagna e Roncola istituendo come una sede il plesso scolastico di Roncola San Bernardo – si legge nella mozione di Insieme per Costa, costituita da Federica Brumana, Roberto Mazzoleni e Lorenzo Mazzoleni -, realizzare una sola scuola parrocchiale dell’infanzia con due sedi temporali, una a Costa Imagna e una a Roncola, alternando i periodi da settembre a gennaio e da febbraio a giugno”. “Il fatto che la maggioranza – ad eccezione di un consigliere solo – abbia votato una mozione presentata dal gruppo di minoranza è sia positivo che "sintomatico" – spiega la consigliera comunale Federica Brumana -. Conta il risultato e non le polemiche. Mi limito ad esternare la mia felicità per uno scambio molto discusso e combattuto”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it