BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Guarda il video di Ceneré, il nuovo singolo del verace Arcane of souls

Il secondo lavoro di Alfonso Surace si nutre di blues, rock, pop, psichedelia e canzoni cantate a pieni polmoni e urgenza al grado massimo. Un disco per chi ama in songwriting verace, tutto sostanza, emozioni, sangue e luce. “Ceneré” è il nuovo lavoro degli Arcane of Souls, anagramma dietro il quale si nasconde la figura di Alfonso Surace.

Più informazioni su

Il secondo lavoro di Alfonso Surace si nutre di blues, rock, pop, psichedelia e canzoni cantate a pieni polmoni e urgenza al grado massimo. Un disco per chi ama in songwriting verace, tutto sostanza, emozioni, sangue e luce. “Ceneré” è il nuovo lavoro degli Arcane of Souls, anagramma dietro il quale si nasconde la figura di Alfonso Surace, songwriter calabrese d’origine già al lavoro con il Torquemada e i Sakee Sed nonché una delle ultime scoperte della fervida scena musicale bergamasca. Un cantautore decisamente verace, che ama realizzare in rigorosa autoproduzione i propri dischi e tutto quello che ruota intorno ad essi (foto, video, etc.) con l’aiuto di qualche amico e di qualche alunno (nella vita Alfonso è insegnante d’informatica, oltre che padre) e che al blues, al rock e in generale a tutte le sonorità più roots deve la propria linfa musicale. “Ceneré” – che sarà disponibile dal 7 aprile e sarà presentato live il 10 aprile al Druso Circus di Bergamo – viene anticipato dal lyric-video “Gennaro” disponibile da oggi su YouTube, storia di un alunno che vive la sua adolescenza sperimentando come nella vita "tutto può succedere" e quando le avversità ci colpiscono non si può fare altro che reagire con coraggio e volontà, ma sempre con la consapevolezza che “a volte serve piangere”.

Un brano che coi suoi cori sixities e una lap steel tipicamente harrisoniana rappresenta al meglio l’impronta sonora e lo spirito di un disco in cui a contare sono essenzialmente le canzoni, debitrici delle cose migliori del nostro cantautorato meno abbottonato; brani cantati a voce ruvida e spiegata che colgono l’emozione di frammenti di vita del loro l’autore nella sua esistenza di padre-insegnante-artista. E’ questa infatti la “Ceneré” a cui si riferisce il titolo, quel (poco) tempo creativo che ogni musicista indipendente non professionista riesce a ritagliarsi nella quotidianità di ogni giorno. Per questi motivi “Ceneré” è un disco registrato fra le quattro mura di casa nei ritagli di tempo e suonato per la maggior parte da Alfonso, che ha voluto mantenere un approccio il più possibile lo-fi per preservare il primal scream di ogni pezzo ed esaltare quell’impeto dettato dall’esigenza di esternare emozioni vere.

Le canzoni del secondo lavoro di Arcane of Souls sono infatti decisamente “lunatiche”: dunque sanguinano quando soffrono, si illuminano quando sorridono e lo fanno davvero, senza sconti. Con un’urgenza e sincerità d’intenti che è raro trovare e che si esprime con tracce nelle quali il blues incontra il pop e lascia spazio a violini, tabla, fuzz, ritmiche funk o in levare, fiati, percussioni africane e molto altro. Il tutto a disegnare un lavoro vero come la carne viva e vibrante come tutte le musiche che sono soul nell’indole, al di là di ogni genere e di ogni appartenenza.

IL VIDEO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.