BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La scuola cambia: il preside potrà scegliere i prof

Il Consiglio dei ministri di giovedì 12 marzo ha approvato il disegno di legge di riforma del sistema scolastico. la palla passa al Parlamento

Più informazioni su

Il Consiglio dei ministri di giovedì 12 marzo ha approvato il disegno di legge di riforma del sistema scolastico.

"La riforma della scuola è quella principale per il Paese, ne siamo orgogliosi – ha annunciato il premier Matteo Renzi – Ora la palla passa al Parlamento. Le proposte sulla scuola sono realizzabili abbastanza rapidamente, con grande intensità, se il Parlamento vorrà lavorare con senso d’urgenza".

Ecco i punti

Carriera dei docenti Restano gli scatti fondati sull’anzianità, ma viene inserita anche una cifra aggiuntiva sul merito: 200 milioni di euro a partire dal 2016 . "Il merito lo valuterà il preside, sentito il consiglio dei docenti, secondo modalità che sceglieranno. Decideranno loro", ha chiarito Renzi.

Carta del prof Un bonus annuale in denaro ai professori da spendere per finalità culturali che ammonterà a 500 euro (innalzato, dunque, rispetto alle bozze del ddl che prevedevano 400 euro l’anno). Un rimborso spese "per andare a teatro, a sentire un concerto, a vedere l’opera… "Anche questo è cultura", ha spiega Renzi. R

Scuole paritarie Resta la detrazione fiscale per coloro che manderanno i figli nelle scuole paritarie, accanto ad altri strumenti fiscali come il cinque per mille e lo "school bonus", ossia speciali detrazioni a chi investe sulla scuola.

Scelta dei prof Compare la "chiamata diretta" degli insegnanti da parte dei presidi, che potranno scegliere gli insegnanti direttamente da un Albo nel quale sono pubblicati anche i curricola dei docenti. "Grazie all’organico funzionale non ci saranno mai più classi pollaio né supplenti", ha aggiunto Renzi. "Gli stessi presidi saranno poi valutati", ha precisato il premier.

Autonomia "Il primo punto della riforma della scuola "è l’autonomia – ha spiegato il presidente del Consiglio – Ogni scuola vive la propria autonomia. E’ come se dicessimo che la scuola deve essere il cuore e il motore di un territorio, ma ogni scuola è diversa".

Piano assunzioni Il vero nodo ancora da sciogliere della riforma: il ddl prevede "l’assunzione di 100mila precari. C’è l’intenzione di sanare una ferita di 20 anni di promesse verso il corpo docente. "Abbiamo fatto le nostre scelte, inseriamo in questa categoria chi è dentro le graduatorie ad esaurimento. Non chi, anche se dispiace dirlo, sta dentro le graduatorie di istituto. L’assunzione di 100mila precari viene alla fine di questo percorso. Non è l’inizio".

Edilizia scolastica Renzi ha annunciato che dalla Banca europea degli investimenti sono in arrivo 940 milioni di euro per l’edilizia scolastica.

Materie Nella riforma della scuola è rafforzato l’insegnamento di musica, arte, lingue, educazione motoria particolare attenzione, dalla primaria, alla assoluta professionalità di chi insegna l’inglese "per cui si fa fare un corsettino alla maestra ma si richiede un inglese assolutamente perfetto", spiega il premier. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    I presidi saranno scelti come con il voto del Gabibbo nelle primarie del Pd.
    un paese illegale, marcio che abbusogna di una spallata che solo il M5* poteva dare e che dara?
    A voi l’ardua sentenza.

  2. Scritto da il polemico

    i presidi possono assumere gli insegnanti,nulla di nuovo, un pò quello che pare sia successo con la fornero,ha fatto assumere marito e figlia all’università,solo che prima era una pratica che era illegale ma praticata ugulamente,ora diventa legale….

  3. Scritto da Davide

    … queste sono riformucce. il Vero obiettivo del Renzino ino ino, è la riforma della costituzione. Perchè nessuno parla dell’articolo 5 …. andate a leggervi questo aricolo

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14782

    5 minuti spesi bene.

  4. Scritto da Furbo

    Altri centomila voti per Renzi: quelli dei precari stabilizzati.

  5. Scritto da + verande x tutti

    Benissimo, allora il problema si sposta su un altro quesito: chi sceglie i presidi?
    Lo stato, sempre lo stato, solo lo stato.
    Con le “riforme” renziane lo stato sarà sempre più somigliante alla troika.
    Bela roba.
    E se la gente non lo volesse? Chi glielo ha chiesto?

  6. Scritto da rello78

    Ma quanti lamentoni … siete l’Italia che si piange addosso, quelli che non ci credono più ! Renzie ha detto che dovete cambiare atteggiamento, credere nel rilancio e sognare un Italia nuova, più giusta ed innovativa ! … Poi ci si sveglierà tutti sudati e si capirà quanto quest’uomo in un solo anno sia riuscito a peggiorare una nazione già allo sbando. Cari elettori del PD, svegliatevi da questo incubo… questo è più di destra (e furbo) di Berlusconi !

  7. Scritto da poeret

    NON LO SOPPORTO Più..ho appena letto (non ho guardato i soliti telegiornali, ma letto le proposte ufficiali) cosa vorrebbe fare per la RAI. In poche parole il nominato, che propone qui di nominare gli insegnanti, che propone di nominare il senato, dopo aver nominato le cariche max di finmeccanica e simili,vuole nominare CDA e dirigenti RAI.. insomma tutto un magna magna degli amici degli amici.. PAURAAAAAAAAAAAAAAAAAA (meritocrazia cosa sconosciuta)

  8. Scritto da poeret

    sempre più fiero di aver votato M5S , avranno fatto e faranno errori ma (vedete lavoro in parlamento, proposte e fatti come la restituzione di soldi per imprese in difficolta) quanta onestà senza secondi fini in quello che stanno facendo..per il bene comune non di qualcuno!!

  9. Scritto da Geniale

    Belle le riforme che si occupano solo degli “esercenti” (insegnanti) il servizio, non degli “utenti” (bambini e ragazzi) con programmi didattici innovativi, connessioni moderne, metodi d’insegnamento all’avanguardia. Che paese allo sfascio.

  10. Scritto da Peppe

    E questa è la riforma??? Poveri precari che da una vita mantengono la scuola italiana e adesso devono cercare un lavoro perché i presidi chiameranno prima i parenti poi gli amici e poi gli amici degli amici….siamo rovinati…sono pentito di aver votato PD…non meritano la mia fiducia…

  11. Scritto da mario59

    Compare la “chiamata diretta” degli insegnanti da parte dei presidi, che potranno scegliere gli insegnanti direttamente da un Albo nel quale sono pubblicati anche i curricola dei docenti.
    E finalmente ci sarà la possibilità per quei presidi che lo vorranno, di assumere amici, parenti, e amici degli amici.
    In pratica… vuoi fare l’insegnante? prima preoccupati di conoscere un preside o qualche suo parente stretto.
    Materie: educazione civica manco per idea..tutti educatissimi sti studenti

    1. Scritto da silver

      Esatto ! Punto centrato in pieno … ma non temere, poi verranno valutati anche i presidi … si ma da chi ? cosa succede se si verificano casi “strani” di chiamate ad amici e parenti ? Riforma agghiacciante, ma al solito ce ne accorgeremo fra un paio di anni.

  12. Scritto da Giulia

    ma la moglie di Renzi, che è una docente, che dice di questa riforma ??? Personalmente dico che fa pena

    1. Scritto da lisa

      sicuramente verrà scelta da un preside ah ah ah ah SVEGLIA