BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maroni in carcere da Monella: “Coraggio, ti siamo vicini” – Video

Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, accompagnato dal segretario bergamasco della Lega Daniele Belotti, nella mattina di martedì 10 marzo ha varcato i cancelli del carcere di Bergamo per fare visita ad Antonio Monella, l'imprenditore di Arzago d'Adda, condannato per aver ucciso un rapinatore.

 "Coraggio, ti siamo vicini e stiamo facendo il possibile per farti uscire". Sono le parole che Roberto Maroni ha rivolto ad Antonio Monella.

Il presidente della Regione Lombardia, accompagnato dal segretario bergamasco della Lega Daniele Belotti, nella mattina di martedì 10 marzo ha varcato i cancelli del carcere di Bergamo per fare visita all’imprenditore di Arzago d’Adda condannato per aver ucciso un rapinatore all’interno della propria abitazione.

Maroni è arrivato in via Gleno intorno alle 12.10. L’incontro si è svolto all’interno della cella dove Monella è rinchiuso, con una scrivania colma dei giornali che legge ogni giorno.

Il confronto tra i due è durato circa mezzora, nel corso della quale l’imprenditore ha spiegato a Maroni (i due si incontravano per la prima volta) cosa è successo quella sera.

L’esponente leghista ha mostrato la sua vicinanza al bergamasco, e gli ha spiegato che il suo partito sta facendo di tutto per ottenere la grazia: da una parte Salvini che in piazza tiene alta l’attenzione, dall’altra i contatti con il neo presidente della Repubblica Sergio Mattarella (al quale spetta il l’ultima parola).

Difficile stabilire i tempi in cui la richiesta possa essere esaminata ed eventualmente essere accolta. Monella è stato condannato in via definitiva a 6 anni e 2 mesi di reclusione per aver ucciso a colpi di fucile nel 2006 Ervis Hoxha, un albanese di 19 anni che gli era entrato in casa per un furto con dei complici.

Guarda l’intervista a Maroni all’uscita dal carcere:

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da piero

    quando una persona per bene, armata, incontra un delinquente armato, sarà sempre il secondo ad avere la meglio… ma quando la persona per bene estrae l’arma, lo scontro a fuoco diventa inevitabile… non so voi, io preferisco rinunciare ai miei preziosissimi beni, piuttosto che rischiare la vita (ora, se quelli che non la pensano come me riuscissero a trattenersi dall’augurarmi di essere visitato da ladri assassini strupratori, sarebbe una gran cosa).

    1. Scritto da Luigi

      Il commento è serio e merita rispetto, come lo meriterebbero tutti coloro che stanchi di subire visite sgradite e vedere messi in pericolo vita e beni sudati, si vedono costretti da uno stato inutile e parassita ad estrarre le armi, anche la paura giustificata andrebbe compresa, non solo i poveri delinquenti…

  2. Scritto da il polemico

    nessun politico a parte la lega,si degna di andare a trovare un cittadino italiano che ha la sola colpa di aver cercato di difendere le proprie propeietà dalle mani di pregiudicati che hanno fatto del furto di cose altrui il loro stile di vita……solo per cercare voti o per tassare si ricordano dei cittadini,arrivare a schierarsi e prendere le difese dei ladri di appartamento la dice tutta

  3. Scritto da kurt Erdam

    “Coraggio, ti siamo vicini e stiamo facendo il possibile per farti uscire”. Sono le parole che Roberto Maroni ha rivolto ad Antonio Monella.””Anche la BREBEMI è nei nostri cuori,invece gli epilettici vadano a quel paese e continuino a pagare ticket stratosferici.E chi deve prenotare una visita oculistica(richiesta dallo specialista che lo segue)al Giovanni XXIII vada pure 5/6 volte per sentirsi dire che non ci sono ancora le date.La settima gli diranno che posti non ce ne sono più per mesi

    1. Scritto da il polemico

      ci troviamo gente che approva quando lo stato elargisce 4 miliardi per coprire le boiate di una banca di partito,ma disapprova che si spendono 2 miliardi per costruire una autostrada al servizio di tutti.è proprio vero,meglio dare(4 miliardi) che ricevere(una autostrada).meno soldi alla banca,più ai cittadini,solo cosi i ticket potrebbero calare,ma come dice l’elettore del pd,che ci si lamenta a fare se lo spread è calato?

      1. Scritto da sando-kan

        Ricordiamo al signore sopra che I suoi amici hanno condonato 85 MILIARDI di euro di multa ai concessionari delle slot machine.Ricordiamo inoltre che la solo LOMBARDIA ha un saldo attivo di 56 MILIARDI ( con cui ogni anno potremmo fare una brebemi ricoperta d’oro).Ricordiamo anche che ci sono strade al sud incompiuute da 70 anni,che paghiamo ancora tasse per il terremoto dell irpinia…Comunque l argomentio era un altro…

  4. Scritto da graziano

    Speriamo che non ci siano più sparatorie cruente del tipo di cui sopra, altrimenti sti poveri leghisti devono continuare a trascorrere parte del proprio tempo nelle patrie galere.

    1. Scritto da Grazia si

      Speriamo che la gente per bene non sia costretta a sparare per difendersi da criminali di ogni tipo, e soprattutto che un giorno anche nella cosiddetta patria del diritto vi sia certezza della pena e quindi giustizia. Ma nel frattempo, le sparatorie insegneranno ai delinquenti a starsene lontani…

  5. Scritto da Onagro

    Indecenti.

    1. Scritto da mauro

      Indecenti chi? Se chi è affetto dal virus del buonismo, posso solo augurargli qualche visita in casa. Se i ladri, convengo. Sono indecenti. LORO ED I GIUDICI CHE CONDANNANO LE VITTIME ED ASSOLVONO I DELINQUENTI