BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo tecnico, solita Dea Peggior prova dell’anno ma lasciamo lavorare Reja

La prima di Reja sulla panchina nerazzurra non è stata come tutti avremmo sperato. Anzi, si può certamente affermare che l’Atalanta vista a Parma è stata forse una delle peggiori viste quest’anno. Non ci si aspettava la rivoluzione ma una squadra gagliarda sì.

Più informazioni su

La prima di Reja sulla panchina nerazzurra (peraltro prima a metà vista l’espulsione rimediata) non è stata come tutti avremmo sperato. Anzi, si può certamente affermare che l’Atalanta vista a Parma è stata forse una delle peggiori viste quest’anno.

La prestazione della squadra atalantina è stata a dir poco imbarazzante, prova ne è che gli undici del mister goriziano non sono praticamente mai riusciti a tirare in porta. C’è da dire che la gara del Tardini veniva nel momento meno indicato della stagione, visto che aveva gli occhi di tutta Italia puntati addosso per via delle note vicende legate alla situazione societaria parmense. Da tutta questa pressione mediatica la squadra atalantina aveva solo da perdere visto che una vittoria contro l’ultima della classe avrebbe potuto rientrare nella normalità, mentre una sconfitta avrebbe fatto passare i giocatori del Parma quasi per dei salvatori della patria.

Ma anche l’Atalanta veniva da una settimana travagliata, con il cambio del tecnico che, solitamente, crea nei giocatori una reazione di carattere. Nessuno, io per primo, si attendeva che in pochi giorni Reja potesse rivoluzionare la squadra trasformandola nel gioco, ma che l’Atalanta scendesse in campo giocando una prova gagliarda e di grande orgoglio questo sì. E invece la partita della squadra nerazzurra è stata impalpabile, giocata con grande timore di fronte all’undici emiliano che, seppur “fermo” da tre settimane, è apparso fisicamente addirittura più pimpante di quello orobico.

Sì, ma timore di cosa? Di perdere un’altra partita dopo i 4 ko consecutivi? C’è da augurarsi che, come detto dal mister nel dopo partita, la squadra avesse il freno a mano tirato proprio per questo motivo, che i giocatori debbano ritrovare un po’ di fiducia dopo un periodo difficile. Ma personalmente ritengo che quella di Parma sia stata una grande occasione persa. Sì perché di fronte ad una squadra e ad una società allo sbando, bisognava essere capaci di giocare cinicamente ed in modo spietato.

Dai, non nascondiamoci dietro ad un dito, il Parma fino a ieri aveva conquistato solo 11 punti sul campo e quindi il Tardini doveva e poteva essere terra di conquista. Invece, pur nella pochezza tecnica della partita, la squadra emiliana ha giocato meglio dell’Atalanta, anche senza mai mettere in grande difficoltà la difesa nerazzurra. Mister Reja ha schierato un 4-3-3 con Emanuelson e Boakye sulle fasce e Pinilla al centro dell’attacco. A centrocampo Migliaccio è stato preferito a Baselli, nel terzetto con Cigarini e Carmona. Poche le palle giocabili a disposizione degli attaccanti atalantini che sono stati sempre facilmente controllati dalla difesa del Parma. Nel secondo tempo D’Alessandro ha sostituito un inesistente Boakye ed è l’unico nerazzurro a cui mi sento di dare la sufficienza, l’unico che abbia in qualche modo tentato di imbastire qualche azione positiva cercando costantemente di saltare l’uomo, anche se non sempre con grande lucidità.

Per tutti gli altri buio pesto.

L’Atalanta, che aveva anche il vantaggio di scendere in campo dopo avere visto sia la sconfitta del Cagliari che il pareggio del Cesena, aveva la possibilità di giocarsi un match point in chiave salvezza, ma l’ha mancato e anche male. Domenica arriva a Bergamo l’Udinese, squadra che sta giocando bene e che segna anche parecchio.

Allora, pur nella consapevolezza delle enormi difficoltà che vi sono, cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno: diamo a Reja il tempo di lavorare nella speranza che la situazione possa migliorare. Anche se per ora, l’unico che se la sta ridendo, è forse un signore di Anzio.

Il Bore

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Fuori i mulini a vento Bellini, Migliaccio, Denis; Stendardo in panchina, una sola punta, un tempo Pineèla e l’altro a Boakjè e la squadra deve far capovolgimenti di fronte 3 volte più veloci.

  2. Scritto da Dario

    Con l’arrivo di Emanuelson non potremmo tornare al 3 5 2? Zappacosta ed Emanuelson sulle fasce e 2 prime punte tra le tante che abbiamo?

  3. Scritto da marco bg

    E se fra non molto ci toccherà rivedere a Bergamo il signore di Anzio? Io spero di no, ma nel mondo del calcio tutto può succedere…….

  4. Scritto da matteo

    Non ci siamo proprio!nemmeno lo scossone dovuto al cambio dell allenatore ha dato i risultati sperati, nemmeno la grinta ci mettono più!

  5. Scritto da nino cortesi

    Per ora non ne ha imbroccata una.
    Cherubin e Baselli sono sani, anche Boakyè unuca punta è sano.

  6. Scritto da marco

    mi spiace doverlo dire ma siamo la peggior squadra del torneo, ieri avrebbero dovuto restituire i soldi del biglietto, giusta la ns. certa retrocessione per colpa di una societa’ miope e assetata di denaro che alla fine per porre rimedio ha speso di piu’ e senza risultati, mi riferisco a bonaventura…bastava livellare il suo ingaggio a quello di denis e tutto sarebbe filato liscio..grazie xcassi.

  7. Scritto da noodels

    Il signore di Anzio non ha proprio nulla di che ridere….. Anzi

  8. Scritto da Francesco

    Andrò controcorrente ma a me lo spirito della squadra è piaciuto. Poi si è visto il solito limite che ci trasciniamo da inizio campionato cioè quello di non arrivare mai alla conclusione. Non era cosi scontato che a Parma si dovesse vincere, alla fine in campo c’erano anche loro! La Roma ha pareggiato col Chievo, vi siete stupiti anche di questo?

  9. Scritto da scandalosa

    Io mi auguro di non doverci pentire presto di aver cacciato Colantuono. Tutti a giustificare ma come non erano finiti gli alibi?!?! Ieri sono state fatte delle scelte incomprensibili come lasciare in panca Moralez che e’ sempre stato uno dei punti di forza di questo campionato preferondogli dei “morti in piedi”. Grinta? zero! Voglia di vincere? Zero. Gioco? Peggio del Cola. Almeno nelle ultime 4 partite seppur a sprazzi abbiamo visto gioco, grinta e goal.. e non erano contro un Parma derelitto

    1. Scritto da veronika

      Moralez è infortunato. Papu Gomez è infortunato. Zappacosta è infortunato. Biava è infortunato.

    2. Scritto da CoppaItalia 62/63

      Vera esperta di calcio la sig.ra Scandalosa…..Moralez è infortunato….

      1. Scritto da embe

        Moralez sara’ stato anche infortunato… ma ieri sembrava di avere 11 morti in campo… che scusa avevano per tale prestazione indecente?

        1. Scritto da vic

          Ha ragione scandalosa, non ha “volutamente ” schierato Moralez, Estigarribia, Raimondi, Biava e Gomes. Ma che stai a dì!