Lotta all'Aids, scoperto dove il virus Hiv si nasconde nelle cellule - BergamoNews
Trieste

Lotta all’Aids, scoperto dove il virus Hiv si nasconde nelle cellule

Fotografata la struttura del nucleo dei linfociti e scoperte le "tane" dove l'Hiv si nasconde fino a diventare "invisibile": sono i risultati di una ricerca compiuta all'Icgeb di Trieste dal team guidato dal professor Mauro Giacca.

Una grande scoperta, tutta italiana. Fotografata la struttura del nucleo dei linfociti e scoperte le "tane" dove l’Hiv si nasconde fino a diventare "invisibile": sono i risultati di una ricerca compiuta all’Icgeb di Trieste dal team guidato dal professor Mauro Giacca.

La rivoluzionaria scoperta sarà pubblicata sul sito di "Nature" e avrà forti effetti nello sviluppo di nuovi farmaci contro l’Aids.

L’estrema pericolosità dell’Aids è legata alla proprietà del virus di inserire il proprio Dna in quello delle cellule che infetta, diventando così parte integrante del loro patrimonio genetico.

Tale meccanismo è possibile grazie a un enzima detto trascrittasi inversa che converte il genoma virale.

Ma la ragione per cui l’Hiv scelga soltanto alcuni dei 20mila geni umani per integrarsi e, soprattutto, come riesca all’interno di questi geni a nascondersi ai farmaci era rimasto finora un enigma.

Enigma risolto dal gruppo di ricerca dell’International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology di Trieste, che apre nuovi orizzonti per la cura definitiva dell’Aids.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it