Quantcast
Bassa, è caccia aperta al "killer dei cani": ha ucciso otto cuccioli - BergamoNews
Brignano

Bassa, è caccia aperta al “killer dei cani”: ha ucciso otto cuccioli

Usa un coltello e si avvicina ai cancelli delle abitazioni fingendo di voler solo accarezzare gli animali, che poi fredda senza pietà: nella Bassa è caccia al "killer dei cani". Le prime vittime sono state Gaia e gli otto cuccioli che stava per partorire, a Brignano.

Nella Bassa bergamasca è caccia aperta a quello che è stato ribattezzato il "killer dei cani". Due, per il momento, i casi accertati della follia omicida dell’uomo che i carabinieri di Treviglio stanno cercando di rintracciare prima che faccia altre vittime dopo Gaia e la sua cucciolata che stava per venire alla luce in questi giorni. "Va fermato al più presto – è il grido disperato di Erika Faccini, titolare dell’Allevamento Islabonita di Brignano Gera d’Adda -, spero vivamente che le forze dell’ordine, che stanno lavorando sul caso, mi possano presto dire chi è stato a uccidere la mia cagna e i suoi cuccioli".

Gaia, uno splendido esemplare di Golden Retriever, è stata trovata senza vita una settimana fa, a Brignano Gera d’Adda: "Sono tornata all’allevamento dopo una giornata fuori e ho trovato Gaia completamente insanguinata – racconta la signora Faccini -. Inizialmente pensavo a un problema legato alla gravidanza ma poi mi sono accorta che aveva quattro ferite profonde causate da un’arma da taglio. Era già spirata. Assieme a lei erano morti anche gli otto cuccioli che avrebbe dovuto partorire lo scorso weekend". Secondo le prime ricostruzioni, pare che il cane si sia avvicinato all’aguzzino di sua spontanea volontà, forse in cerca di qualche carezza: "Nella recinzione si poteva tranquillamente infilare la mano, come ha fatto la persona che ha ucciso Gaia – spiega ancora Erika Faccini -. Il colpo che le è stato fatale è stato quello che le ha perforato un polmone. Ma chi può aver fatto una cosa talmente crudele? Come si può commettere un gesto simile? Io non riesco a darmi una spiegazione: nel nostro allevamento ci sono pochi cani, che trattiamo tutti come figli, per questo la perdita di Gaia è stato uno shock che non ho ancora superato. Spero vivamente che verrà fatta giustizia, al più presto". Durante l’agguato altri due cani dell’allevamento Islabonita di Brignano, Athena e Giada, sono rimasti feriti rispettivamente alla testa e ad una zampa: loro non sono in pericolo di vita.

Pochi giorni prima, sempre nella Bassa, un episodio molto simile a quello che ha portato alla morta di Gaia si è verificato a Treviglio: un esemplare di cane lupo cecoslovacco è stato gravemente ferito da una coltellata. I proprietari, attirati dal pianto dell’animale, sono riusciti a salvare la vita al cane che è stato portato in una vicina clinica veterinaria dove ha subito un intervento chirurgico durato quattro ore. Se la caverà.

"Sembra che i due episodi siano collegati tra loro – spiega Erika Faccini -. Se qualcuno ha visto o sentito qualcosa si rivolga al più presto ai carabinieri di Treviglio. E tutti i proprietari di cani della zona facciano attenzione: questa persona è ancora in giro e può avvicinarsi a qualsiasi abitazione".

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Lucky
Soccorso alpino
Cane cade in un torrente ghiacciato a Valbondione Il video dei soccorsi
Il sangue dell'animale investito
Romano di lombardia
Pirata della strada investe e uccide un cane La rabbia dei passanti
Generico
Progetto di legge
Cani sui mezzi pubblici e lotta all’accattonaggio La proposta in Regione
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI