Bancomat per le offerte, la Littizzetto su Caravaggio: “Se lo sapesse Papa Frank...” - BergamoNews
Il video

Bancomat per le offerte, la Littizzetto su Caravaggio: “Se lo sapesse Papa Frank…”

Luciana Littizzetto nel suo consueto sketch a “Che tempo che fa” prende di mira l'iniziativa del parroco del santuario di Caravaggio che ha deciso di installare due porta candele funzionanti solo con bancomat e carta di credito. L'offerta “tecnologica” ha già fatto discutere a novembre, tanto da portare alla rimozione dei due totem.

Luciana Littizzetto nel suo consueto sketch a “Che tempo che fa” prende di mira l’iniziativa del parroco del santuario di Caravaggio che ha deciso di installare due porta candele funzionanti solo con bancomat e carta di credito. L’offerta “tecnologica” ha già fatto discutere a novembre, tanto da portare alla rimozione dei due totem. Settimana scorsa però sono stati introdotti di nuovo. “Don Gino ha messo un cervello elettronico dove per pagare le candele usi il bancomat o la carta di credito. Ma pensa gli anziani che già fanno una vita di inferno: devono anche andare in chiesa a stressarsi per accendere la candela e pregare il santo patrono. Immaginati la vecchietta che estrae la mastercard dallo scialle.. Togli tutta la poesia, l’incanto, la sacralità. Già quando si accendono i candelabri elettronici provi la stessa emozione di quando metti i bastoncini findus nel microonde. Non ti sembra di essere in un santuario, ma in un supermercato. Se lo sa Papa Franck vedi dove lo digita il pin del bancomat”.

Il VIDEO

leggi anche
  • Preghiera hi tech
    Al santuario di Caravaggio riecco i ceri che si pagano con la carta di credito
    Generico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it