Eurispes: il 90,7% degli italiani contrari a allevamenti di pellicce - BergamoNews
La campagna

Eurispes: il 90,7% degli italiani contrari a allevamenti di pellicce

"Vietare subito l'allevamento di animali per farne pellicce" è quanto chiedono il 90,7% degli italiani secondo il rapporto Italia 2015 dell'istituto Eurispes.

Una Proposta di Legge per abolire in Italia l’attività di allevamento di animali da pelliccia giace da tempo negli uffici delle Commissioni Referenti di Camera e Senato. L’associazione “Essere Animali”, promotrice della campagna “Visioni Liberi”, ne chiede con urgenza la discussione.

“Da anni l’autorevole sondaggio dell’Istituto “Eurispes” testimonia la volontà degli italiani di porre fine alle sofferenze di questi animali. Sembra un paradosso, ma le Commissioni non hanno ancora discusso la relativa Proposta di Legge, nonostante anche diverse Regioni e Comuni abbiano firmato mozioni con cui sostengono e chiedono un divieto su scala nazionale”, afferma l’associazione.

Essere Animali ha diffuso un’investigazione all’interno degli allevamenti di visoni italiani, documentando le condizioni di vita degli animali rinchiusi in gabbie di appena 36x70x45 centimetri e la loro morte nelle camere a gas. “La produzione di pellicce è crudele e oggi priva di senso, difatti già sei paesi europei hanno vietato questi allevamenti. Vi sono moltissime alternative per vestirsi, di conseguenza imprigionare e soffocare col gas dei cuccioli di visone è una pratica che dovrebbe essere abolita. Questo è ciò che chiediamo alle Istituzioni, assieme alla schiacciante maggioranza degli italiani”, conclude l’associazione.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it