BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Trenord, no aumenti” Parte la petizione online 300 firme in poche ore

Due giovani bergamasche hanno lanciato una petizione online contro gli aumenti delle tariffe di Trenord: in poche ore la loro iniziativa è stata sottoscritta da quasi 300 persone e al raggiungimento delle 500 sarà inviata all'assessore regionale dei Trasporti Alessandro Sorte e al governatore lombardo Roberto Maroni.

Più informazioni su

“Stop all’aumento delle tariffe Trenord!”: la richiesta, chiara e perentoria, arriva dalla rete. Sfruttando lo strumento di change.org, due giovani pendolari bergamasche, Sofia Baido e Cristina Santini, nella giornata di venerdì 30 gennaio hanno lanciato una petizione per chiedere alla società che gestisce il trasporto ferroviario in Lombardia di non applicare l’aumento del 4% delle tariffe a partire da domenica 1 febbraio.

“Le tariffe Trenord saranno le seguenti – informano le due ragazze – biglietto km 50,1- 60 passerà da 5,30 a 5,50€, Io Viaggio mensile da 103 a 107€, Io Viaggio trimestrale da 295 a 308€. Tutto ciò non è una novità. Tra il 2005 e il 2011 le tariffe sono aumentate del 41,3% nonostante l’Italia nel 2012 si trovasse alla 12esima posizione della classifica European Railway Performance Index che si basa su tre variabili: intensità d’uso, qualità del servizio e sicurezza”.

In poche ore la petizione ha raccolto quasi 300 firme: l’obiettivo delle 500 non è lontano e, al raggiungimento dello stesso, verrà inviata all’assessore regionale dei Trasporti Alessandro Sorte e al presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni.

A supporto della propria richiesta, le due pendolari bergamasche hanno allegato alcune testimonianze significative raccolte nelle ultime settimane di viaggio: dai treni cancellati senza preavviso ai ritardi, dai disservizi alle condizioni disagiate sulle carrozze, “e si potrebbe andare avanti all’infinito”.

“Ritardi, guasti agli impianti, treni obsoleti e puzzolenti, vagoni freddi o chiusi, il servizio non vale quel che costa. Per questo motivo chiediamo che i tagli non si ripercuotano sugli utenti e che vengano annullati immediatamente gli aumenti delle tariffe”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURO DEAMICI

    NON SOLO TRENORD AUMENTA IL PREZZO DEL BIGLIETTO,MA AUMENTANO ANCHE I DISSERVIZI DI TRENORD, TRENI GUASTI,PERSONALE CONDUCENTI CHE AL MATTINO SI ADDORMENTANO ECC