BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lovere, nella bacheca degli alpini attacco a Vanessa e Greta

"Ho 80 anni.... non capisco la gioia per il ritorno di due ragazze che sono andate ad aiutare il partito dei terroristi": sono le parole di un alpino di Lovere affisse, con l'intera lettera e una foto di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli nella bacheca dell'Ana della cittadina sebina, come segnala il quindicinale Araberara.

"Ho 80 anni…. non capisco la gioia per il ritorno di due ragazze che sono andate ad aiutare il partito dei terroristi": sono le parole di un alpino di Lovere affisse, con l’intera lettera e una foto di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli nella bacheca dell’Ana della cittadina sebina, come segnala il quindicinale Araberara.

Le due ragazze "… pagando di tasca nostra sono tornate togliendoci milioni  dallel nostre tasche. Penso ai piccoli imprenditori cascati nella rete della crisi, non sono stati aiutati e si sono suicidati. Si sganciano milioni per due ragazze senza cervello e si abbandonano padri di famiglia che sgomenti si sono lasciati morire".

Una posizione personale legittima come lo sono tutte, ma l’affisione in bacheca fa di queste parole una condivisione con l’associazione degli alpini, almeno quelli loveresi. E’ proprio così? 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gloria

    Quello che non ha capito è che le ragazze, casomai, stavano aiutando i ribelli siriani che sono contro il regime di Assad e contro gli invasori dell’ISIS. Il signore dovrebbe un po’ imparare dalla storia che ha vissuto e pensare ai ribelli come ai partigiani che erano contro il regime di Mussolini e contro gli invasori tedeschi. Magari quando era partigiano ha pure apprezzato l’aiuto delle infermiere straniere che venivano ad aiutarli… ma la memoria gli è svanita.

  2. Scritto da lorenzo

    Interessante… come mai tutti si sono concentrati sulla prima parte della lettera e nessuno sulla seconda… Perché nessuno parla delle persone che avrebbero potuto salvarsi la vita, se i soldi fossero stati spesi per aiutare loro…. molte emozioni, ma poca lucidità…..

    1. Scritto da Un altro Lorenzo

      Poca lucidità direi che la mostra lei. I 10 mln spesi per loro sono ben poco per un programma d’aiuti di gente che va in malora. Ancora: sono tanti solo se visti dalla prospettiva di una o poche persone. Prima che i soldi spesi per salvare la pelle agli ostaggi, fondi per aiutare chi è in difficoltà si possono cavare da centomila altre fonti più adeguate:i 4 mld annui delle auto blu fatti notare da qualcun altro,o gli stipendi dei politici che per primi si sono buttati come sciacalli..

  3. Scritto da silvia

    …sììììì, per favore, rimandate a casa “i Marò”. Poi se ne parlerà, si discuterà ma non lasciamo due famiglie nell’angoscia. Grazieeee

    1. Scritto da rosi

      Tutti solidali perchè i nostri e ripeto i nostri fucilieri, tornino finalmente nella loro Patria,a casa dai loro cari

  4. Scritto da simone

    Però ha ragione. Smentitelo se ci riuscite… Ah dimenticavo: Liberate i nostri marò!

    1. Scritto da silvia

      ….perchè smentire e “soprattutto” cosa dire? Ormai è rimasto solo sconcerto e tanta, tanta tristezza. Solamente mi chiedo: ma cosa ci è successo? perchè? dove abbiamo sbagliato? i giovani non sono ciò che noi abbiamo insegnato a loro? e se abbiamo insegnato ciò che sapevamo perchè non ci hanno ascoltato? è un’era di “ribelli” o siamo stati “troppo molli”? ….per favore mi aiutate a capire? grazie, ciao, Silvia

      1. Scritto da Marco

        Sconcerto e tristezza io li provo verso chi attacca insensatamente queste due ragazze. “Dove abbiamo sbagliato” me lo chiedo per loro. Vorrei che ce ne fossero di più, nelle nuove generazioni, di ragazzi con la loro disponibilità (e, sì, una buona dose d’accortezza in più) invece che dediti ad ubriacarsi, drogarsi e fregarsene di tutto.

    2. Scritto da Piero

      3) “Togliendoci milioni dalle nostre tasche”… Togliendo max 20 cent dalle tasche di ciascuno di noi. Soldi coi quali si poteva fare ben poco. 10 milioni (se son veri; probabilmente la cifra reale è inferiore) sono tanti per una persona (o poche persone), ma per aiutare le industrie serve ben altro. I 4 miliardi annui per le auto blu dei politici che per primi hanno scatenato la polemica contro le due ragazze (accorta manovra per dirottare l’odio popolare?), per esempio.

    3. Scritto da Piero

      Ma certo che ci riesco a smentirlo.
      1) “Si erano fasciate con la bandiera terrorista” – Falso. Si erano fasciate con la bandiera dei rivoluzionari siriani non fondamentalisti (vada a vedere le loro foto). Le bandiere dei vari gruppi fondamentalisti sono ben diverse (si veda anche le loro foto, facilmente reperibili).
      2) “Sono andate ad aiutare il partito dei terroristi” – Falso. Cerchi le differenze tra FSA (da loro appoggiato), ISIS e gruppi vari di ribelli integralisti: son cose diverse.

  5. Scritto da Matteo

    Solitamente ho rispetto per le persone anziane: per questa farò un’eccezione.

    1. Scritto da sampey

      dico solo questo: tutti parlano di quelle ragazze,ma se fossero le nostre figlie? Saremmo contenti che “(non so come)”, qualcuno ce le avessero riportate a casa.

  6. Scritto da Narno Pinotti

    Un foglio scritto in tutte maiuscole Algerian. Voglio dire, bastava quello, no?

  7. Scritto da Cristian

    Ha detto solo quello che tutte le persone sane di mente pensano…..w gli Alpini!!!

    1. Scritto da Davide

      Sono una persona sana di mente, eppure la mia opinione è l’esatto contrario della sua.

    2. Scritto da Michelàs

      Bravo … ai matti si deve sempre dare ragione!
      Ma lasciamo stare il corpo degli Alpini.

  8. Scritto da Fabio

    Dobbiamo ringraziare l’insensaata isteria che una certa politica sta insinuando nelle nostre coscienze (per quanto riguarda me, cercando di insinuare, ma senza successo), criminalizzando queste due ragazze per il solo aver voluto aiutare gli altri (con maggior o minor sprovvedutezza, è un altro discorso). Voglio far notare che c’è una trasmissione sedicente satirica, che, tutti i giorni in prima serata, soffia sul fuoco e mostra ex rapiti che avrebbero ricevuto un trattamento “diverso” (????)

  9. Scritto da Cristian

    Grande!!!ha detto quello che tutte le persone sane di mente pensano!!!w gli alpini!!!

    1. Scritto da Maurizio

      visto quello che scrive presumo sia un imprenditore. io i soldi del riscatto li avrei usato per stanare e PUNIRE gli evasori, ovverosia gli imprenditori

      1. Scritto da La verità fa male

        Forza genio, spiegami il nesso tra il tuo commento anti evasori e anti imprenditori (ripetendo la solita solfa di quelli che ragionano sulla base dei “sentito dire”) con il contenuto dell’articolo che parla di un tizio che scrive la sua discutibilissima opinione e poi la mette sulla bacheca dell’Associazione Alpini

        1. Scritto da kurt Erdam

          Glielo spiego io,anche se lei non capirà,in Italia ci sono un sacco di evasori,corruttori(e corrotti),esportatori illeciti di capitali,falsatori di bilancio ecc..,tutti questi sono difesi da quelli come lei(di destra) e ci costano una caterva di soldi.Siccome le due ragazze hanno fatto solidarietà ai deboli,voi(di destra)fomentate l’opinione pubblica sui(presunti)soldi spesi per il riscatto,causando commenti di questo tipo dalle menti più deboli.Sulle armi prodotte e vendute,invece,mutismo.

    2. Scritto da Franco

      Sulla sanità mentale e intelligenza di chi scrive cose del genere si possono esprimere pesanti dubbi, così come su chi posta due volte lo stesso insensato commento. Per fortuna questo tizio non rappresenta gli alpini.

  10. Scritto da mario59

    Che figuraccia quel vecchio…intervengano presidenti locale e provinciale…e scrivano a chiare lettere che l’ ANA oltre al fatto di non condividere minimamente le frasi di un loro iscritto, si scusa per un utilizzo insensato, di una propria bacheca aperta al pubblico.

  11. Scritto da Giovanni

    Dimissioni del presidente del gruppo. In caso contrario intervenga il presidente dell’ANA bergamasco

  12. Scritto da Luca Lazzaretti

    Come alpino e del battaglione Tirano prendo netta distanza dalle parole del commilitone..mescola cose che tra di loro non c’entrano nulla..posso capire certe lamentele, ma stavolta il bersaglio è errato, e usare una bacheca per una lettera personale non è corretto.

  13. Scritto da Angelo

    Signori……..se vogliamo dare aiuto…..prima facciamolo nel nostro paese chiamato Italia che pure qui ne abbiamo bisogno…. eccome ….e tanto anche senza andare all’estero.

  14. Scritto da kurt Erdam

    Purtroppo quando si fanno campagne sulle cretinate qualcuno che ci casca si trova sempre.Questo signore erede del CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE sicuramente ha avuto parole diverse per i mercenari di qualche anno fa.In ogni caso se coi mezzi di comunicazione a disposizione fosse difficile convincere le menti deboli delle proprie scemate non avremmo avuto gli ultimi 20 anni che abbiamo avuto.IO sarò sempre più vicino a chi offre solidarietà che a chi spara.

    1. Scritto da Paolo

      Giusto! Però chi spara, oggi ha qualche soldo in più per comprarsi le armi……..

      1. Scritto da kurt Erdam

        Basta non essere falsi e ipocriti e stracciarsi i vestiti mentre le armi si costruiscono e vendono.Poi se si è abbastanza citrulli da criticare chi si impegna per solidarietà a chi ne ha bisogno bisognerebbe anche criticare 1) chi ha finito col mandare armi agli stessi sbagliando a consegnarle con gli elicotteri 2) dire qualcosa anche a chi ci ha buttato giù funivie piene di gente o ha ammazzato deliberatamente nostri funzionari gloriosi(Calipari).Invece le solite starnazzate a senso unico

        1. Scritto da solidarietà?

          Non si può parlare di portare solidarietà a chi soffre, quando ci si schiera con una delle parti in lotta. Emergency, nei propri ospedali cura tutti i feriti, non quelli di una parte sola, non dà patenti di buoni o di cattivi, aiuta chiunque ne abbia bisogno. Solo dimostrando la propria neutralità si può pretendere rispetto e conseguentemente usufruire di una qualche sicurezza.

          1. Scritto da kurt Erdam

            Non diciamo fesserie per favore,altrimenti celebriamo le SS che si sono infortunate mettendo gli ebrei nei forni crematori.Poi le stupidissime polemiche attorno a queste due ragazze lamentano anche (vero o non vero) che siano andati medicinali dalle 2 parti.Comunque io sono uno che di volontariato ne fa tanto e lo faccio per gli ammalati non per i soci della BREBEMI,ad ogni modo se lei vuole aiutare il presidente Assad può sempre raccogliere fondi e inviarglieli.

          2. Scritto da Giovanni

            Mi piacerebbe capire in che modo la loro (innegabile) mancanza di neutralità annullerebbe il fatto che stessero cercando di portare solidarietà a chi soffre. Allora, tanto per esempio, chi aiuta i curdi a Kobane (coi quali combattono anche uomini dell’FSA, il gruppo appoggiato dalle due ragazze) dovrebbe essere imparziale ed aiutare anche i feriti dell’ISIS?

          3. Scritto da La verità fa male

            Risposta esatta! se un medico o un volontario vero (non di parte) vede davanti a sè un ferito grave in serio pericolo di vita, lo cura e lo soccorre senza chiedergli se è un curdo combattente di Kobane o un terrorista dell’ISIS o un miliziano di Assad. Detto questo, ci sono organizzazioni come Emergency che portano solidarietà vera e reale ma si organizzano al meglio per cercare di garantire l’incolumità dei propri volontari, senza andare allo sbaraglio

          4. Scritto da Dario

            Mah, ho l’impressione che chi per imparzialità aiutasse anche i feriti dell’ISIS verrebbe istantaneamente tacciato di supporto ai terroristi da gente come l’autore del foglio…

  15. Scritto da Beppe

    Attacco vile, disgustoso e basato sull’ignobile disinformazione diffusa a piene mani nelle scorse settimane. La mia solidarietà va alle due ragazze che per altruismo hanno peccato sì d’ingenuità, ma che hanno già “pagato” con cinque mesi di prigionia, e non meritano l’astio scaricato loro addosso. Questa gente ha mai provato a pensare a come si possano sentire ora?

    1. Scritto da Gaetano Bresci

      bravo Beppe, mi hai preceduto. Purtroppo l’ignoranza è al potere (qui da noi, poi|)

  16. Scritto da Francesco

    Caro signore, ha 80 anni… la sua lettera si spiega da sola… ci sono milioni di cose che le possono sembrare impensabili e incomprensibili. Lettera che non ha nè capo nè coda, argomenti a caso, italiano insicuro (partrito?) puro sfogo di un italiano medio che piuttosto di sforzarsi per cercare di capire quello che gli è oscuro preferisce puntare il dito su tutto e tutti. no comment, non vedo perché dare risalto ad una cosa così triste.

    1. Scritto da caro signore

      Quindi, chi ha 80 anni, secondo lei non ha diritto ad un opinione e ad esprimerla. Chi ha 80 anni, caro signore, probabilmente ha dovuto lavorare in fabbrica o nei campi ad un’età in cui lei scaldava i banchi di scuola, dove purtroppo, non ha imparato il rispetto per le persone anziane. Questo è triste, la sua saccenteria, il suo puntare il dito, la sua incapacità di capire le ragioni degli altri.

      1. Scritto da Alberto

        Questa persona anziana, a quanto pare, non ha imparato il rispetto per le persone, e basta. Quanto a puntare il dito ed incapacità di capire le ragioni altrui, direi che sono caratteristiche messe in mostra proprio da chi ha stampato quel foglio.

  17. Scritto da Marcello

    Chi ha affisso quella porcheria si dovrebbe vergognare. Solo un superficiale e disinformato può pensare che “sono andate ad aiutare il partito dei terroristi” quando chi volevano aiutare erano i civili ed il Free Syrian Army, che è un gruppo ribelle anti-Assad, ma NON di islamisti. Chissà che “stampa” legge l’arzillo alpino. Vergogna all’ANA di Lovere, se ha permesso l’affissione.

    1. Scritto da enzo

      Strano sentir parlare di rispetto altrui uno che vorrebbere mettere il bavaglio, magari nero, all’anziano e saggio signore che riesce a vedere dove gli indottrinato sembrano non arrivare.
      Lui ha espresso una solida opinione e tu vorresti censurarlo adducendo stramberia riguardo ad una guerra ‘giusta’ che le due ragazze si sono scelteda sole ?

      1. Scritto da Marcello

        Anziano di certo, saggio secondo lei, e indottrinato proprio quel signore, che, come lei, legge stampa (indottrinata) di una fazione politica e si beve ogni loro frescaccia. Quel tizio non ha espresso una solida opinione, ha gettato insulti e parole confuse di rancore e ignoranza su un pezzo di carta. Stramberia è la parola giusta per definire ciò che ha scritto. Poi mi dica dove io ho detto che quella in Siria sia una guerra ‘giusta’.

    2. Scritto da NON?

      Sarà, ma a me risulta che sia il Free Syrian Army che il legittimo governo di Assad siano islamici. E comunque, non si può pretendere di essere considerati cooperanti quando ci si schiera con una delle parti in lotta. Quando si attribuiscono le patenti di buono e di cattivo all’uno o all’altro, in una guerra civile.