BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Album di nozze gay alla Fiera degli sposi

Un fotografo di Dalmine, Fabio Betelli, invita a visitare il prorio stand alla Fiera degli Sposi di Bergamo perché per la prima volta presenterà un lato "diverso" del matrimonio, quello omosessuale. Ecco la lettera che ci ha mandato.

Un fotografo di Dalmine, Fabio Betelli, invita a visitare il prorio stand alla Fiera degli Sposi di Bergamo perché per la prima volta presenterà un  lato "diverso" del matrimonio, quello omosessuale. Ecco la lettera che ci ha mandato.

Buongiorno

mi chiamo Fabio Betelli, e sono un fotografo professionista di Dalmine.

Anche quest’anno si avvicina il tradizionale appuntamento con la fiera Bergamo Sposi, a cui prenderò parte come espositore per il sesto anno, un evento dedicato a 360° al matrimonio.

O meglio, non proprio 360° diciamo 359.

Perchè? Perchè è sempre mancata una cosa, lo sguardo su una delle mille sfaccettature del settore: I matrimoni omosessuali.

"Ma in Italia non ci sono, i matrimoni Omosessuali!" si potrebbe correttamente pensare, ed effettivamente, molte coppie italiane organizzano matrimoni all’estero, anche se non hanno alcun valore legale, o scelgono di celebrare delle cerimonie fittizie, con una più semplice scrittura privata, e una festa con parenti e amici.

Quest’anno, cambia qualcosa.

In una città difficile come Bergamo, ho scelto di dare un segno di rottura, e infrangere il tabù.

Quest’anno, per la prima volta in fiera, presso il mio stand, presenterò un album realizzato con una coppia omosessuale.

Perchè? Perchè l’amore è di tutti. Punto.

Ho già messo in conto le inevitabili critiche, e gli sguardi sdegnati che mi aspettano, ma poco importa, credo nel mio lavoro, che ho sempre svolto con impegno e dedizione, non senza sacrifici.

Quello che mostrerò in realtà, non sarà un vero e proprio matrimonio, (o real wedding, come si usa dire ora) ma un servizio realizzato ad hoc, con una coppia di amici che si è prestata pazientemente ad una giornata di scatti, da qualche tempo infatti, approfitto del periodo invernale per realizzare immagini "diverse" da proporre poi durante la stagione matrimoniale.

Questa volta però ho scelto di giocare diversamente, cambiando gli attori della medesima favola, lasciando appeso nell’armadio l’abito bianco in tulle e pizzo, per iniziare a parlare di un’altra forma d’amore.

Oggi quante coppie cosiddette "normali" si separano dopo pochi anni, se non addirittura mesi, dal matrimonio?

Luigi e Andrea, questi i nomi dei miei modelli, stanno assieme da 17 anni. Non per moda, ma per AMORE.

Ho scelto di affrontare questo tema per vari motivi, anzitutto per dare anche io il mio seppur piccolo contributo a rompere questo tabù tutto italiano, e secondariamente poter proporre anche questo servizio a chi decide di sposarsi all’estero o con altre soluzioni.

Pertanto, vi invito a visitare il mio stand (n°31, ultima corsia), presso la Fiera Bergamo Sposi per poter visionare dal vivo, il primo piccolo passo verso quella che dovrebbe esse la normalità.

Nel frattempo vi invito a visionare il video del Backstage, girato da un mio assistente durante in servizio.

Cordiali Saluti e Buon Lavoro.

Fabio Betelli – f o t o g r a f o

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Groucho

    D’accordo sulle unioni gay ma questa trovata mi sa tanto di pubblicità gratuita.

  2. Scritto da Eric

    Inoltre vorrei chiedere a Molly se pensa che le coppie gay e il loro amore non siano “cosa seria e impegnativa per la crescita della società” e se pensa che l’unico modo di essere di contributo alla società sia quello di fare figli. Vorrei inoltre chiederle se sa che la capacità/volontà di fare figli non è un requisito per il matrimonio, dato che – giustamente – chi non può fare figli e chi non ne vuole fare può sposarsi lo stesso.

  3. Scritto da Eric

    Vorrei replicare a Molly dicendo che anche il matrimonio tradizionale è stato inventato. Inoltre, quello che è il matrimonio tradizionale oggi, 60 anni fa era ancora un’altra cosa, perché comprendeva la figura dell’uomo come capofamiglia, l’inferiorità della donna e l’indissolubilità dell’unione. Sappiamo benissimo cosa vuol dire matrimonio oggi per lo Stato italiano, ma sappiamo benissimo che può cambiare come lo ha fatto in Francia, Inghilterra, Spagna e tanti altri paesi. Continua…

  4. Scritto da Molly

    Il matrimonio gay e’ una invenzione. Non esiste. Esiste sicuramente amore tra due persone dello stesso sesso. Ma il matrimonio è’ un altra cosa. Sapete cosa vuol dire la parola matrimonio? Cercare la ribalta su una moda fa l’arte delle strategie di Mkt in voga. Amore libero, coppie libere ma lasciamo stare il matrimonio. Cosa seria e impegnativa per la crescita della società. Poi i figli non si vanno a comperare come al supermarket sfruttando lo stato di indigenza di ragazze disperate.

  5. Scritto da Nicole

    Sei un grande!!!! Hai tutto il mio appoggio e verrò a trovarti e a stringerti la mano allo stand!! Era ora che qualcuno desse un bello schiaffo in piena faccia a questo schifo di società ipocrita!! Bravo! Bravo! Bravo!
    P.S.:se mi fai un buon prezzo ti assumo per il mio di matrimonio!! ;)