BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Regione Lombardia dà il via alla nuova cabina di regia dello spettacolo

Si è concluso con la presentazione a Bergamo il primo tour di presentazione della nuova cabina di regia dello spettacolo, che ha visto Regione Lombardia impegnata in tutte le province del territorio lombardo per illustrare le caratteristiche di questo progetto. Il responsabile regionale dell’Unità Operativa musica, danza e arte contemporanea Giuliana Marangon: “È uno strumento importante, che consentirà di conoscere meglio i gestori e gli operatori della cultura”.

“Uno strumento importante, che consentirà di conoscere meglio i gestori e gli operatori impegnati nel settore di cultura e spettacolo”. Esordisce così il responsabile regionale dell’Unità Operativa musica, danza e arte contemporanea Giuliana Marangon nell’illustrare la costituzione della nuova cabina di regia dello spettacolo promossa da Regione Lombardia.

L’iniziativa è stata presentata in occasione di una conferenza che, a Bergamo, ha concluso un tour di incontri esplicativi tenuti in tutte le province lombarde. Marangon ha spiegato: “Si tratta di una nuova piattaforma informatica che si propone come banca dati regionale dello spettacolo, per raccogliere dati relativi a soggetti e sedi che operano nel settore. È uno strumento nuovo, volto a sostituire i dati ormai vecchi che la Regione aveva raccolto anni fa. Nel prossimo futuro, poi, è possibile ipotizzare che una versione aggregata dei dati raccolti possa essere consultabile dall’esterno oppure che si possa dar vita a una community che favorisca la conoscenza tra le diverse realtà del territorio, che per loro natura sono variegate e disomogenee. Ma prima di tutto è importante cominciare raccogliendo i dati":

Più precisamente, la ”Cabina di Regia dello Spettacolo” è un progetto realizzato dalla Direzione Generale Culture di Regione Lombardia, e supportato da Lombardia Informatica, che si propone come la prima banca dati regionale dello spettacolo, finalizzata alla raccolta dati e informazioni relative alle sedi e ai soggetti che operano nel settore in Lombardia. Questa piattaforma è costituita da due sezioni informative, una relativa ai Soggetti di spettacolo, che permette di rilevare i dati anagrafici e le informazioni sulla dimensione organizzativa, finanziaria e sull’attività svolta ed una riguardante e le sale di spettacolo che permette ai proprietari e/o gestori di sedi e luoghi di spettacolo di inserire i dati riguardanti le caratteristiche strutturali degli spazi, la dotazione dei servizi, l’attività che si svolge e bilancio per voci aggregate. È aggiornabile annualmente per produrre report conoscitivi e statistici su aspetti della domanda e offerta di spettacolo in regione, per implementare le informazioni sui soggetti e le sedi di spettacolo pubblicate sul sito di direzione.

Marangon ha evidenziato: “Grazie a questa innovativa piattaforma informatica si fa largo la possibilità di condividere tra tutti gli attori del sistema regionale dello spettacolo le informazioni relative all’offerta e di dare visibilità all’attività artistica e alle sedi di quanti parteciperanno alla rilevazione”.

I destinatari della Cabina di Regia sono i soggetti dello Spettacolo, ovvero le persone giuridiche che producono, ospitano, gestiscono, distribuiscono o organizzano spettacoli, quali ad esempio le associazioni, le imprese, le compagnie teatrali, musicali, di danza, gli enti di promozione cinematografica, i proprietari e gestori di sale cinematografiche, o di teatri. Considerando le finalità della banca dati, ossia censire i luoghi e i soggetti promotori di festival ed eventi culturali, nella piattaforma non sono contemplati bar e piazze.

Naturalmente esistono dei vantaggi per chi si iscrive alla piattaforma; si può contribuire alla conoscenza del settore per orientare le politiche di Regione Lombardia. Inoltre offre ai Soggetti che producono, ospitano, distribuiscono spettacoli la visibilità dei dati delle sale di spettacolo presenti in regione e consentirne così l’accesso per promuovere la propria attività. Alla cabina si può tranquillamente accedere dal sito di Regione Lombardia, trovando in fondo a destra il banner ”Cabina di Regia dello Spettacolo” oppure direttamente dal sito www.cultura.regione.lombardia.com. Una volta registrati al sito (inserendo username, password ecc…) sarà possibile inserire i dati nelle due sezioni: soggetti di spettacolo (quali associazioni, imprese, compagnie teatrali o musicali ecc…) e sedi di spettacoli (se proprietario o gestore di sede). Nella sezione "Help" sono comunque presenti le linee guida per la compilazione.

In un periodo in cui le risorse destinate alla cultura sono limitate, la banca dati assume un’importanza strategica nelle scelte della Giunta regionale. L’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini osserva: “Con la Cabina di Regia per lo spettacolo la Lombardia diventa ancora una volta la Regione modello e pilota di un nuovo sistema a livello nazionale. Come istituzione ci siamo messi subito in ascolto del settore dello spettacolo per studiare, insieme agli operatori, modalità di miglioramento della governance, dell’offerta e dei servizi messi in campo. Ne è nata una piattaforma strategica, on line dal 6 ottobre, che consentirà di avere un database certo e sempre aggiornato sugli enti e sale dello spettacolo, garantendo a chi fa cultura uno strumento davvero innovativo”.

In totale – ha spiegato Giuliana Marangon – la messa a punto, progettazione e fase di test della piattaforma, affidata a Lombardia Informatica (partner di Regione Lombardia, ndr) ha comportato un investimento di circa 50 mila euro, spalmati in quattro anni. A completare il quadro delle risorse destinate a livello regionale per la cultura, è il badget complessivo destinato a quest’ambito ammontano a oltre 10 mila euro.

A partire dal prossimo mese, per concludere, verrà avviata una campagna informativa, coinvolgendo i Comuni capoluogo di provincia, per diffondere la conoscenza di questa nuova opportunità tra le realtà culturali operanti sul territorio.

Marco Sigismondi e Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.