BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aereo turco “agganciato” da 2 caccia sopra Bergamo

Evento insolito sui cieli bergamaschi: un velivolo turco, non è riuscito a contattare la torre di controllo di Orio al Serio a causa di problemi tecnici, creando così allarmismo. Perciò i due caccia Eurofighter del IV Stormo dell'Aeronautica militare, sono partiti dalla base di Grosseto per raggiungerlo, constatando, dopo pochi minuti, il falso allarme.

Più informazioni su

Mercoledì 28 gennaio il cielo di Bergamo ha assistito a un evento decisamente originale e che per un attimo ha creato preoccupazione: alle 15.43 due caccia italiani hanno intercettato in volo un aereo di linea turca, un Embraer, che, da quanto è stato stabilito in seguito, non riusciva a mettersi in contatto con il controllo aereo e le torri di controllo della zona.

La causa, di natura tecnica, era dovuta dal malfunzionamento del “transponder”, strumento che consente di inviare in modo automatico la propria posizione a torri di controllo. Il velivolo turco decollato dall’aeroporto di Bodrum, Turchia, diretto in Svizzera con scalo a Ginevra, non è riuscito a contattare la torre di controllo di Orio al Serio a causa di problemi tecnici, creando così allarmismo sui cieli bergamaschi.

Perciò i due caccia Eurofighter del IV Stormo dell’Aeronautica militare, sono partiti dalla base di Grosseto per raggiungere il velivolo di linea, constatando, dopo pochi minuti, il falso allarme.

I velivoli della nostra Aeronautica hanno, così, scortato l’Embraer al confine aereo del territorio nazionale, rientrando poi alla base.

In molti hanno assistito all’evento raro nei cieli di Città Alta: i due caccia sono stati visti girare attorno al velivolo di linea, i primi molto più veloci del secondo che, al centro, proseguiva sulla propria rotta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Embraer e’ il costruttore dell’aereo non la compagnia aerea.

  2. Scritto da Arturo

    Non era più vicina la base di Ghedi? Tanto il carburante lo paghiamo noi, come quello delle navi che non difendono i nostri confini!

    1. Scritto da Giggi

      Dai Arturo….

    2. Scritto da Esperto

      A Ghedi sono di stanza i Tornado, che sono caccia-bombardieri, mentre la missione di intercettazione di ieri era di competenza di aerei intercettori, altro tipo e ruolo di intervento.

    3. Scritto da un vero esperto

      Bravo Arturo! Proponiti come super gestore del traffico aereo militare italiano. Oppure come mitragliere della marina militare, così potrai difendere coraggiosamente i sacri confini!

      1. Scritto da giupì

        nell’oceano indiano, ottemperando alle disposizioni dell’ex ministro La Russa.

  3. Scritto da Clad 77

    Questi sì che sono intercettori che ci sanno fare! Ci fosse stata la nostra AM quell’11 settembre, laggiù, come sarebbero andate le cose? Splash down, assicurato!

    1. Scritto da bergamasc

      Non ci diranno mai la verità sul perchè l’11/9/2001 quegli aerei non furono intercettati…