BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Spacciavano marijuana utilizzando Whatsapp: fermati 4 minorenni

Il provvedimento e’ stato emesso dal gip del tribunale dei minorenni di Brescia su proposta di quella stessa procura, ed e’ scaturito da un'indagine avviata nel mese di marzo dello scorso anno e durata poco più di sette mesi, in seguito all’arresto di un minore per detenzione di oltre 500 grammi di marijuana.

Spacciavano marijuana utilizzando Whatsapp. All’alba di mercoledì 28 gennaio i carabinieri della compagnia di Bergamo hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro giovani minorenni, tutti maschi e italiani (uno solo straniero), accusati di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Il provvedimento e’ stato emesso dal gip del tribunale dei minorenni di Brescia su proposta di quella stessa procura, ed e’ scaturito da un’indagine avviata nel mese di marzo dello scorso anno e durata poco più di sette mesi, in seguito all’arresto di un minore per detenzione di oltre 500 grammi di marijuana.

In quella circostanza il giovane era stato trovato con 1,5 grammi di marijuana in tasca, mentre gli altri 500 grammi erano stati rinvenuti in casa nel corso della successiva perquisizione domiciliare.

Dalle investigazioni dei militari è emerso che i minori spacciavano marijuana, che veniva acquistata e poi smerciata a coetanei residenti nella Bergamasca; nel provvedimento del giudice e’ stata infatti contestata l’aggravante della vendita di droga a minori degli anni 18.

Le numerose cessioni avvenivano concordando gli incontri sia telefonicamente che tramite Whatsapp con un linguaggio criptico.

La marijuana veniva tenuta a casa all’insaputa dei genitori. I giovani arrestati, di cui uno solo studente, sono stati collocati in diverse comunità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.