BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Affitta casa a Cervinia ma non c’è: denunciato quarantenne bergamasco

Denunciato un 40enne, Giuseppe G., residente in un paese in provincia di Bergamo, pregiudicato per analoghi reati e quindi già noto alle forze di polizia quale autore di altre truffe.

Affittano tramite internet un appartamento a Cervinia, versando una caparra, ma una volta giunti sul posto scoprono che la casa non esiste.

Vittime dell’ennesima truffa online è una famiglia di Reggio Emilia che si è rivolta ai Carabinieri del Comando Stazione di Saint Vincent-Chatillon.

I Carabinieri sono riusciti, tramite un’attività prevalentemente tecnica, a risalire all’autore dell’inserzione online dell’annuncio fasullo, che aveva nel frattempo riscosso la cifra della caparra.

Si tratta di Giuseppe G., 40 anni, residente in un paese in provincia di Bergamo, pregiudicato per analoghi reati e quindi già noto alle forze di polizia quale autore di altre truffe.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BATTISTA

    Purtroppo le regole che gestiscono la libertà di stampa sono difficili da capire per un delinquente recidivo vi è la privacy, sopratutto perché non è utile per trasmissioni tipo 4°grado e varie, mentre per presunti colpevoli si fa processi on line.

  2. Scritto da pablo

    la cosa che mi stupisce, ogni giorno, è che si possa mettere nome e cognome di un presunto assassino o di un vigile indagato (con tutto quello che ne consegue), ed invece al signor Giuseppe G. residente in un paese in provincia di Bergamo, già individuato come responsabile del reato e con precedenti per truffa, si debba garantire la privacy omettendo ogni dato… è una scelta della redazione o ci sono delle regole che non riesco ad afferrare?