BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Facebook down per un’ora, poi riparte

Per circa un'ora martedì mattina è stato impossibile collegarsi a Facebook: gli utenti di tutto il mondo hanno tentato in tutti i modi di fare il login ma non c'è stato nulla da fare. Il "guasto" è stato risolto poco dopo le 8: problemi di accesso anche per Instagram e Tinder.

Più informazioni su

Dalle 7 alle 8 di martedì 27 gennaio Facebook, Instagram e Tinder hanno fatto i conti con un "guasto" che impediva agli utenti di tutto il mondo di accedere alle proprie pagine personali: inutili i tentativi sia da pc che da mobile, le tre piattaforme erano irraggiungibili. 

Un problema che ha spiazzato gli utenti che, preoccupati, si sono riversati sui motori di ricerca a caccia di spiegazioni e si sono confrontati su altri social network: a dare una comunicazione ufficiale di quanto stava accadendo è stato Instagram, il popolare social basato sulla condivisione di fotografie di proprietà di Facebook, tramite il proprio account Twitter, spiegando di essere a conoscenza di un momentaneo blakcout e di essere al lavoro per sistemarlo. 

Poco dopo le 8 la situazione è stata riportata alla normalità: Facebook, Instagram e Tinder hanno ripreso a funzionare, per la gioia degli utenti che hanno potuto riconnettersi e commentare in massa "l’imperdonabile" malfunzionamento. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Barba

    Tranquilli anche oggi potete farvi i fatti degli altri mentre siete pagati per lavorare, tranquilli…