BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Educazione alla legalità economica: la 3ª edizione al via sui banchi di scuola

Mercoledì 28 gennaio alle 9 all’Istituto Superiore “Pietro Paleocapa” di Bergamo prende il via il primo incontro della terza edizione del progetto “Educazione alla legalità economica” proposto alle scuole primarie e secondarie bergamasche dalla Guardia di Finanza - Comando Provinciale di Bergamo e dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo.

La campanella della legalità suonerà alle 9 di mercoledì 28 gennaio all’Istituto “Pietro Paleocapa” di Bergamo. Inizierà così il primo incontro della terza edizione del progetto “Educazione alla legalità economica” proposto alle scuole primarie e secondarie bergamasche dalla Guardia di Finanza – Comando Provinciale di Bergamo e dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo sulla base del protocollo d’intesa nazionale fra Guardia di Finanza e Ministero dell’Istruzione.

All’incontro di presentazione interverranno il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, Patrizia Graziani, e il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo, Colonnello Vincenzo Tomei.

Grande soddisfazione del Dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, Patrizia Graziani: “A questa terza edizione del progetto “Educazione alla legalità economica” hanno aderito ben 1.177 bambini e ragazzi di diverse scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado sparse su tutto il territorio bergamasco, pronte ad ospitare i finanzieri e ad usufruire anche dei contributi multimediali appositamente predisposti per l’approfondimento ed il confronto. A prosecuzione di una pluriennale collaborazione tra l’Ufficio Scolastico e la Guardia di Finanza, l’elevato interesse suscitato dimostra quanto sia importante diffondere, a partire dai bambini, modelli di comportamento virtuosi facendo percepire la legalità, anche in campo economico-finanziario, come un valore da perseguire e difendere con stili di vita positivi e responsabili”.

Per il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Vincenzo Tomei, “Il successo che l’iniziativa ha riscosso negli anni precedenti ci sprona ad essere ancor più impegnati in questa attività divulgativa. Il nostro compito è soprattutto quello di sensibilizzare i giovani sul valore della “legalità economica”, spiegarne il significato attraverso esempi concreti, riscontrabili nella vita quotidiana e dimostrare che si tratta di un concetto strettamente connesso all’esercizio di una cittadinanza attiva e responsabile, che conviene al singolo ed è patrimonio indispensabile per l’esistenza stessa e la crescita della collettività.”

Il progetto “Educazione alla legalità economica”, nell’ambito di un programma pluriennale di attività riferite all’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, prevede l’organizzazione, a livello nazionale, di incontri presso le scuole con l’obiettivo di diffondere e valorizzare fra i giovani il concetto di sicurezza economica e finanziaria; affermare il messaggio della convenienza della legalità economico-finanziaria; stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dalla Guardia di Finanza, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche.

L’iniziativa è abbinata al concorso “Insieme per la legalità”, ideato per sensibilizzare i giovani sul significato civile ed educativo della legalità economica, nonché sulle attività e sul ruolo della Guardia di Finanza, favorendo l’espressione libera, creativa e spontanea degli studenti, attraverso la rappresentazione grafico-pittorica e la produzione video-fotografica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.