BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

7 studenti bergamaschi in viaggio ad Auschwitz: guarda il video girato

In occasione della Giornata della Memoria ecco il video-documentario realizzato da un gruppo di studenti bergamaschi che hanno partecipato al Viaggio della Memoria organizzato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il video è stato presentato martedì pomeriggio all'Istituto "Natta" di Bergamo.

Una consuetudine che si è rinnovata anche quest’anno e che coincide con il settantesimo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau. E’ tornato il "Viaggio della Memoria" organizzato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con l’Ucei, l’Unione delle comunità ebraiche italiane.

Il 18 e 19 gennaio, il ministro Stefania Giannini è volato in Polonia con 200 ragazzi delle scuole superiori che si sono distinti per le loro attività sul tema della Shoah (da Begamo e dalla Bergamasca sono partiti Daniele Pinotti, presidente Consulta Provinciale Studentesca – "Locatelli" Bergamo; Mirko Di Matteo – "Locatelli" Bergamo; Michele Pendezza – "Fantoni" Clusone; Federico Gheza – "Piana" di Lovere; Davide Monchieri – "Piana" di Lovere; Valentina Valota – "Sant’Alessandro" Bergamo; Ayoub Maaichiq – "Pesenti" Bergamo). Al viaggio hanno preso parte il presidente dell’Ucei Renzo Gattegna, il presidente dell’Assemblea rabbinica italiana e rabbino capo di Genova Giuseppe Momigliano e il professor Giovanni Maria Flick, presidente onorario del Museo della Shoah di Roma, già presidente della Corte Costituzionale. Sami Modiano e le sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissuti al campo di sterminio, ancora una volta metteranno la loro testimonianza a disposizione degli studenti italiani.  

"Duecento ragazzi – ha sottolineato il Ministro Giannini – hanno potuto ascoltare dalla voce dei sopravvissuti il racconto di una pagina della nostra storia recente che non dobbiamo e non possiamo dimenticare, soprattutto in un momento delicato come quello che stiamo vivendo oggi a livello internazionale. A Sami Modiano e alle sorelle Bucci rivolgo un forte ringraziamento per l’importante opera di testimonianza che svolgono ogni anno, riportando le vicende di cui sono stati protagonisti ai nostri ragazzi. Il Miur e la scuola italiana – ha continuato il Ministro – sono fortemente impegnati nei percorsi di educazione alla Shoah per consentire agli studenti di raccogliere il testimone della memoria. E’ un nostro dovere nei confronti del passato e un diritto nei confronti del futuro".


Il viaggio – Domenica 18 gennaio, i 200 studenti che hanno partecipato al Viaggio della Memoria hanno potuto visitare il ghetto nazista di Cracovia accompagnati dai ricercatori della Fondazione Museo della Shoah. Nel pomeriggio, presso la sinagoga di Tempel, nel quartiere ebraico di Kazimierz, è stato rinnovato il Protocollo d’Intesa tra Miur e Ucei, promosso sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, che prevede, fra l’altro la diffusione di progetti educativi e di mostre itineranti, la partecipazione di genitori, insegnanti e studenti ai corsi di formazione sulla didattica della Shoah. Nella sinagoga di Tempel è stata anche firmata la circolare per le celebrazioni del Giorno della Memoria. Il giorno successivo, i ragazzi hanno invece visitato il campo di sterminio Birkenau e il Museo di Auschwitz guidati da Marcello Pezzetti, storico specializzato nello studio della Shoah.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio

    bravi ragazzi … contribuite a perpetuare la memoria poiché senza memoria … non si va lontano …