BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Verybello o veryflop? Nel sito del turismo solo 6 eventi di Bergamo

Più che Verybello bisognerebbe chiamarlo Veryflop. Il sito lanciato dal ministro Dario Franceschini per sponsorizzare eventi culturali durante il periodo di Expo ha già scatenato l'ironia della rete. E' disegnato male, contiene molti errori di programmazione, ha un nome bruttarello e non solo: non ha la versione mobile.

Più che Verybello bisognerebbe chiamarlo Veryflop. Il sito lanciato dal ministro Dario Franceschini per sponsorizzare eventi culturali durante il periodo di Expo ha già scatenato l’ironia della rete. Il portale raccoglie 1.300 eventi, dalla Biennale di Venezia a Umbria Jazz, dai classici del Teatro Greco di Siracusa fino al Festival degli artisti di strada di Ferrara. Però è disegnato male, contiene molti errori di programmazione, ha un nome bruttarello e non solo: non ha la versione mobile (ministro, crede che i turisti si muovano nelle città con i pc?) e non è tradotto nelle principali lingue estere. Franceschini risponde così agli sfottò: “In 6 ore 500.000 accessi a www.verybello.it. Come speravamo grande pubblicità da ironie, critiche e cattiverie sul web… Verygrazie!”.  

BERGAMO – La sezione di Verybello dedicata a Bergamo è piuttosto scarna, in linea con le critiche espresse da tanti internauti di altre province che hanno esplorato in lungo e in largo il sito. Solo sei gli eventi pubblicizzati: la mostra “Palma il Vecchio. Lo sguardo della bellezza” (viene geolocalizzata all’accademia Carrara, in realtà è alla Gamec), il parco divertimenti Leolandia, Clusone Jazz, la mostra “Il territorio disegnato”, Food film festival, Bergamo Scienza. E il resto? Non c’è.

Abbiamo raccolto qualche Tweet contro Verybello in questo Storify

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco

    la cosa più grave di tutte è che il sito dell’expo mondiale non ha altra lingua che l’italiano. #veryflop