BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta ci ricasca: gara imbarazzante, ora si torna a tremare

Il nostro Luciano Passirani analizza il ko rimediato dai nerazzurri al Bentegodi che ha fatto nuovamente sprofondare nelle zone caldissime della classifica la formazione di Colantuono, distante ora due soli punti dal terz'ultimo posto.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

L’Atalanta ci ricasca. Prestazione senza capo né coda. Arriva la quinta sconfitta in trasferta che vanifica la vittoria e la prestazione di San Siro con il Milan, riaprendo così bruscamente il tema salvezza anche per la contemporanea vittoria del Cagliari, che arriva a Bergamo proprio domenica. Si riduce a due sole lunghezze il vantaggio sulla terz’ultima, il Chievo.

Soprattutto, dopo l’incontro casalingo con il Cagliari, l’Atalanta dovrà vedersela con Fiorentina e Juventus in trasferta, con in mezzo la partita casalinga con l’Inter. Non è poco per una squadra che anche a Verona ha destato parecchie perplessità nella costruzione del gioco e di conseguenza nella realizzazione. Alla fine nessun tiro in porta e sconfitta ineccepibile, inutile recriminare.

L’Atalanta paga un approccio troppo timido. La sensazione dalla tribuna rimane che la squadra puntasse solo al nulla di fatto. Quasi a non volere disturbare o svegliare l’avversario. Il Verona per nulla trascendentale e pure più criticato che sollecitato dal proprio pubblico ne ha approfittato.

Mister Colantuono non ha convinto dal punto di vista tattico. Partito con il classico 4-4-2, è ricaduto nella confusione, passando al 3-4-1-2, fuori Del Grosso, D’Alessandro e Zappacosta esterni alti con Maxi tra le linee. Non contento, fuori Denis e dentro Papu Gomez per chiudere con un 3-4-2-1 che non ha dato alcun risultato, con Gomez e Maxi quasi a pestarsi i piedi nel vano assalto finale.

LA SQUADRA, 5 – Approccio troppo timido e nessun cambio di passo.

L’ALLENATORE, 5 – Se l’approccio è titubante, qualche colpa ce l’avrà anche il mister. Lui si assolve anche questa volta con un "lotteremo sempre fino alla fine". Meno male.

DA SALVARE:  Sempre Sportiello. Di piede salva ancora una volta il risultato.

IL PEGGIORE:  Cigarini. Prestazione incomprensibile. Peccato che Baselli, ammonito, sarà squalificato.

 

La collaborazione tra Bergamonews e Luciano Passirani si conclude con questo articolo. Al fine commentatore, sempre informatissimo, attento e pungente, mai piegato a logiche diverse dall’analisi del gioco e dallo studio di quanto accade in campo, il grazie del giornale. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da do

    i commenti di Passirani erano uno dei pochissimi motivi per seguire l’Atalanta. Ora non ci sarà più nemmeno quello. By by

  2. Scritto da Gorizia

    che pena, che delusione, Percassi ritirati, hai dimostrato ai Bergamaschi e lo stai altamente dimostrando che dell’Atalanta non te ne frega nulla, lo satio, non si farà mai, i giocatori attuali sono dei brocchi, nion tiri fuori soldi, e lo stadio attuale FA’ SCHIFO , la tifoseria è da eliminare

  3. Scritto da Montati

    Questi si erano montati la testa con un Milan decotto

  4. Scritto da Vito

    Lo capiva anche un bambino che Passirani aveva il dente avvelenato con la società’ e questo allenatore. Risalgono forse ai tempi della cessazione del suo rapporto di collaborazione ? Perché’ non ha commentato la vittoria di San Siro?

    1. Scritto da Luigi

      A dire il vero la ha commentata elogiando la squadra. Forse quello prevenuto sei tu.
      https://www.bergamonews.it/sport/se-denis-fa-il-denis-questa-atalanta-pu%C3%B2-tornare-correre-199965

  5. Scritto da nino cortesi

    Dobbiamo giocare ad una punta sola, Pinilla o Boakyè?
    Cigarini è un grandissimo giocatore e non si discute, sicuramente è il più forte che ha quest’anno l’Atalanta.
    Se giochi con due punte, a centrocampo non c’è Baselli che tenga, si subisce ed il pallone ce l’hanno sempre gli avversari.
    Ci salviamo grazie a Colantuono. I cambi sballati, vero! Bastava togliesse una punta e mettesse Baselli insieme a Cigarini (i buoni giocatori sempre dentro) e Gomez al posto di Del Grosso.

  6. Scritto da vic

    Non sempre sono stato completamente d’accordo con le sue analisi, coumque gran conoscitore di calcio e unica voce fuori dal coro. Peccato. Non capisco, cosa aspettasse Colantuono a spostare, Zappacosta sulla sinistra da dove provenivano tutti i pericolo ed il gol. Percassi dopo la campagna abbonamenti scomparso.

  7. Scritto da Matteo

    Sicuramente un esperto dirigente di calcio ma con gli articoli che scrive ho dei dubbi sulla sua buona fede….

  8. Scritto da enrico

    Peccato. Analista libero e soprattutto fine conoscitore delle cose del calcio. Spero non venga sostituito da qualche cortigiano.

  9. Scritto da Dio Anubi

    Grazie Passirani per tutte le lucide analisi…ci troveremo purtroppo a leggere giornalisti su altre testate fare opera di lecchinaggio ad un allenatore arrogante ed incapace e ad una societá senza capo ne coda…dove sono gli acquisti? I giovani da valorizzare? I talenti di Beppe Corti? Lo stadio nuovo? Il bel gioco? L’Europa? Percassi allo stadio rimarrai solo tu…siete ridicoli!!!

    1. Scritto da sergio

      ma cosa te ne fai dello stadio nuovo che tanto manco ci vai? stasera guardati l’ isola dei famosi, cosi ti rilassi un po’.

      1. Scritto da Dio Anubi

        30 anni di abbonamento…lascio posto a te ora e ai 4 pagliacci che per avere il terreno della festa della Dea gratis, stanno buoni e bravi…ridicoli come questo pseudo-allenatore e pseudo-presidente…la mia Dea era tutta un’altra cosa a prescindere dalla serie…

        1. Scritto da sergio

          guarda che non ti vieta nessuno di presentarti a zingonia a contestare allenatore e presidente. dal computer della tua camera non risolvi niente..

    2. Scritto da Jeanpaul

      Condivido in pieno la tua analisi. Mai una critica (costruttiva) dal principale quotidiano cittadino! Le balle di Percassi sono sotto gli occhi di tutti. Con questo presidente così poco vicino alla squadra lo stadio si svuoterà sempre di più. Da quando ha capito che l’affare stadio non si farà, è scomparso.

      1. Scritto da aris

        meno male che c’ è chi se ne è accorto. Altro che balle, gli interessava soprattutto fare lo stadio. Il resto mi sa non gli interessa proprio più. Chissà che andando in B si possa prendere la scusa di rifondare la squadra puntando sui giovani …anche se ci restiamo due-tre anni, poi magari risorgeremo….