BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tassa di soggiorno, a Stezzano albergatori preoccupati: “Dannosa”

Gli albergatori e gli operatori turistici di Stezzano esprimono tutta la loro preoccupazione in merito alla decisione dell’Amministrazione comunale di introdurre a partire da febbraio la tassa di soggiorno, imposta che andrà a colpire il turismo business e leisure e le strutture ricettive presenti nel paese dell’hinterland bergamasco.

Spaventa e preoccupa gli operatori turistici di Stezzano la decisione dell’Amministrazione comunale di introdurre a partire da febbraio la tassa di soggiorno, imposta che andrà a colpire il turismo business e leisure e le strutture ricettive presenti nel paese dell’hinterland bergamasco: quattro hotel e due Bed & Breakfast.

Il vicedirettore di Ascom Bergamo Oscar Fusini afferma: “La nostra Associazione insieme agli imprenditori dell’accoglienza di Stezzano hanno da subito espresso il loro parere negativo. Ci siamo incontrati con gli amministratori e abbiamo messo in evidenza tutte le ricadute negative che questa tassa porta sul territorio, consapevoli di quanto sta avvenendo anche nei comuni in cui è stata introdotta da alcuni anni, come Bergamo e Orio al Serio. Noi siamo perfettamente consapevoli delle difficoltà dei comuni nel far quadrare i conti, ma riteniamo che l’imposta di soggiorno penalizzi l’economia di un paese, favorendo la fuga di turisti”.

Nella nostra provincia hanno introdotto la tassa di soggiorno Bergamo e Orio al Serio dal 2012 e, per il solo periodo estivo, alcuni comuni che si affacciano sul lago d’Iseo, tra cui Sarnico. Fusini spiega: “Pare ormai che la decisione sia presa, nonostante il nostro parere contrario. Per limitare l’entità del danno abbiamo aperto un confronto con l’amministrazione comunale, alla quale dobbiamo dare atto di una volontà di coinvolgimento in questa fase di trattativa. A sindaco e Giunta chiediamo di fare una riflessione attenta sull’importo della tassa, perché questo incide sicuramente sullo sviluppo dell’attrattività commerciale e turistica e potrebbe portare alla perdita di alcune strutture ricettive e ad un ridimensionamento dell’indotto dei settori collegati, in particolare del commercio. Chiediamo in particolare che non superi l’importo stabilito dal Comune di Bergamo, cha va dai 3,5 euro a 1 euro, ma che piuttosto si allinei con quello di Orio al Serio da va da 0,50 a 2,5 euro a seconda delle stelle e della tipologia della struttura. Invitiamo inoltre a valutare bene la futura destinazione del gettito della tassa che dovrà essere destinato a sostenere investimenti e progetti per sviluppare al meglio l’attrattività, il commercio e i servizi ai turisti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni

    In prospettiva di Expo2015… i visitatori sono da tosare.

    1. Scritto da roberta

      1 euro al giorno moltiplicato per un soggiorno medio di un paio di settimane (parlo degli stranieri e sono stata volutamente larga) vuol dire 15 euro in più di spesa su un budget del turista di sicuro ben più alto. Il turista non se ne accorge. Il Comune invece introita qualcosa di significativo, visto che questa gente usufruisce dei servizi e delle urbanizzazioni pagate dai residenti. Per me è una decisione giusta. E non mi vengano a dire che i commercianti di Stezzano vivono di turismo

      1. Scritto da angelo

        Il comune introita qualcosa di significativo che poi spende per il raddoppio -già attuato anni fa- dello stipendio del sindaco leghista.