BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prosa, al Donizetti Silvio Orlando con “La scuola”

Martedì 27 gennaio al teatro Donizetti di Bergamo va in scena un nuovo appuntamento della stagione di prosa 2014/2015. Per l’occasione, è in programma lo spettacolo “La scuola” che, tra gli altri, vede protagonisti gli attori Silvio Orlando e Marina Massironi.

Più informazioni su

Da martedì 27 gennaio a domenica 1° febbraio al teatro Donizetti di Bergamo va in scena un nuovo appuntamento della stagione di prosa 2014/2015. Per l’occasione, è in programma lo spettacolo “La scuola” che, tra gli altri, vede protagonisti gli attori Silvio Orlando e Marina Massironi.

Accanto a loro, a salire sul palco sono Vittorio Ciorcalo, Roberto Citran, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli e Maria Laura Rondanini.

A più di vent’anni dalla messa in scena di “Sottobanco”, felicemente trasposto al cinema con il titolo de “La scuola”, Silvio Orlando riporta in teatro “lo spettacolo più importante della mia vita”. Era il 1992 quando debuttò Sottobanco, spettacolo teatrale interpretato da un gruppo di attori eccezionali capitanati da Silvio Orlando e diretti da Daniele Luchetti. Lo spettacolo divenne presto un cult, antesignano di tutto il filone di lavori d’ambientazione scolastica, tra cui anche la trasposizione cinematografica del 1995 della stessa pièce, che prese il titolo di "La scuola". Fu uno dei rari casi in cui il cinema accolse un successo teatrale e non viceversa.

Lo spettacolo era un dipinto della scuola italiana di quegli anni e, al tempo stesso, un esempio quasi profetico del cammino che stava intraprendendo il sistema scolastico. A scuola si impara, si cresce, si studia, si boccia. Ma la scuola è anche una guerra, per ragazzi e insegnanti, nella quale ci si sfida e dove si cercano strategie di sopravvivenza vincenti. Il testo di Domenico Starnone ne mette in risalto i tratti paradossali e divertenti, oltre a descriverne i risvolti drammatici e formativi. È l’ultimo giorno di scuola in una periferia romana. Gli insegnanti devono fare gli scrutini, decidere chi bocciare e chi premiare. La scuola è un microcosmo in cui la realtà filtra solo indirettamente; tutto sembra svolgersi tra le sue mura: le speranze e le amicizie dei ragazzi, le ambizioni, gli scontri generazionali, gli amori, le situazioni paradossali. Gli scrutini non “raccontano” solo i risultati dell’andamento scolastico. Gli scrutini dicono chi ce la fa e chi torna indietro, chi ha ragione e chi sbaglia, chi è il professore bravo e chi è odiato, chi ha la stoffa del leader e chi non se lo fila neanche un ragazzino di tredici anni. Dal confronto tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie e scontri generazionali, prendono vita personaggi esilaranti, giudici impassibili e compassionevoli al tempo stesso. Il dialogo brillante e le situazioni paradossali rendono "La scuola" uno spettacolo irresistibilmente comico.

Il testo è tratto dalla produzione letteraria di Domenico Starnone. Siamo in tempo di scrutini in IV D. Un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei propri studenti. Di tanto in tanto, in questo ambiente circoscritto, filtra la realtà esterna. Dal confronto tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie e scontri generazionali, prendono vita personaggi esilaranti, giudici impassibili e compassionevoli al tempo stesso. Il dialogo brillante e le situazioni paradossali lo rendono uno spettacolo irresistibilmente comico, ma in grado di porre domande e ci invitare a una riflessione: cos’è la scuola oggi? Ancora un mondo fatto di speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie, generazioni a confronto, vittorie, sconfitte, illusioni e disillusioni. E come sempre, tutto dipende dagli … scrutini.

Terzo titolo della Stagione di Prosa 2014-2015 del Donizetti, l’esibizione ha la regia di Daniele Luchetti ed è in cartellone dal 27 gennaio all’1 febbraio: da martedì a sabato alle 20.30 e domenica alle 15.30.

I biglietti vanno da 11 a 30.80 euro e sono in vendita alla biglietteria del Teatro Donizetti, aperta da martedì a sanato dalle 13 alle 20. Per avere ulteriori informazioni e per acquistare un biglietto è possibile chiamare i numeri di telefono 035.4160601/602/603 oppure consultare la pagina web http://www.teatrodonizetti.it/DoniEditorial/newsCategoryViewProcess.jsp?editorialID=4229

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.