BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Partita in streaming gratis? Non più: oscurati 124 siti

La Guardia di Finanza ha oscurato 124 siti web nell’ambito di una vasta operazione di contrasto alla pirateria audiovisiva. L’attività investigativa è stata avviata in seguito a una denuncia di Sky Italia. Le Fiamme gialle stanno eseguendo un provvedimento di sequestro del Gip capitolino, Gaspare Sturzo. L’inchiesta è coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma.

La Guardia di Finanza ha oscurato 124 siti web nell’ambito di una vasta operazione di contrasto alla pirateria audiovisiva. L’attività investigativa è stata avviata in seguito a una denuncia di Sky Italia. Le Fiamme gialle stanno eseguendo un provvedimento di sequestro del Gip capitolino, Gaspare Sturzo. L’inchiesta è coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma.    Le indagini, sviluppate con la collaborazione del Nucleo Speciale Radiodiffusione Editoria, «hanno consentito di verificare come i siti in questione trasmettessero numerosi eventi sportivi ed interi campionati di più discipline sportive, nonché concerti musicali e numerosissime opere cinematografiche e televisive senza possedere i relativi diritti, appartenenti a molteplici operatori delle TV a pagamento e non, nazionali ed estere», spiegano gli investigatori. In particolare, «è stato accertato che venivano offerti contenuti pirata sia in modalità “streaming live” cioè in diretta, che in modalità “streaming on demand”, fruibili, quindi, a richiesta degli interessati».     Sono in corso «attività di analisi informatica per rilevare le concessionarie di pubblicità che hanno consentito a noti brand, attivi nel settore finanziario, immobiliare, del betting online, della distribuzione al dettaglio e delle telecomunicazioni, di trasmettere messaggi pubblicitari sui siti oggi in sequestro». In alcuni casi, addirittura, è stata individuata la presenza di una malware informatico capace di rubare agli utenti informazioni personali attraverso la tecnica del phishing.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da robinhood

    fanno sorridere queste operazioni: e’ come cercare di tappare un colapasta con 10 dita… i siti che fanno streaming sono migliaia e la maggior parte furbescamente risiedono su server in paesi remoti…

  2. Scritto da il polemico

    è una goccia nell’acqua,perchè ormai internet è incontrollabile essendo di livello mondiale.attualmente ci sono molti programmini gratutiti che ti configurano accessi a server di altri paesi rimanendo tranquillamente con il proprio in italia,cosi da aggirare tutte le azioni della magistratura

  3. Scritto da Carlo

    La GDF, già che c’è, potrebbe anche aggiungere componenti etiche alle sue indagini: potrebbe considerare pirateria audiovisiva anche certe vessazioni che le major miliardarie operano sugli utenti…. Certe clausole vessatorie tipo tacito rinnovo automatico oppure mancato preavviso per recedere contratto…… Se uno ha deciso di abbandonare Sky, l’ha deciso a prescindere che ci sia un preavviso obbligatorio (imposto da Sky) o meno…